Un nuovo inizio con l'islam

Un nuovo inizio con l'islam

intervista a Donatella Della Ratta
recensione apparsa su Il Giornale il 5 giugno 2009

La giornalista coautrice di Un Hussein alla Casa Bianca commenta le parole di Obama pronunciate all'Università del Cairo.
 
«Obama è andato oltre le aspettative, ma il suo discorso non basta a convincere il mondo arabo». Parola di Donatella Della Ratta, che quel mondo lo conosce molto bene. È analista dei media arabi, autrice del blog mediaoriente.com e di un saggio profetico: Un Hussein alla Casa Bianca. Cosa pensa il mondo arabo di Barack Obama (Odoya edizione) scritto con Augusto Valeriani, in cui anticipava la svolta del nuovo presidente americano.

Doveva essere un discorso storico, lo è stato davvero?
«Sì, per la grande valenza simbolica. Aveva promesso di rivolgersi all'islam dal cuore di un Paese arabo e ha rispettato la promessa pronunciando parole di speranza, di apertura, di tolleranza. Se non sbaglio non ha nemmeno pronunciato la parola terrorismo. La differenza rispetto a Bush è abissale. Ha dato l'impressione addirittura di chiedere scusa».

Eppure le reazioni sono tiepide...
«Dai primi commenti su tv come Al Jazeera, al Arabiya e su internet emerge un atteggiamento ambivalente. Il pubblico più colto, penso soprattutto ai blogger, è affascinato dal messaggio “alto” di Obama, ma la reazione “di pancia” della gente è improntata a un grande scetticismo».

Per quale ragione?
«Gli arabi non si fidano più delle promesse, vogliono risultati concreti, soprattutto sulla Palestina. Obama ha equiparato le sofferenze degli israeliani a quelle dei palestinesi e nessun presidente lo aveva fatto prima di lui: ma l'opinione pubblica araba vuole essere certa che qualcosa cambierà davvero e fino a quando la situazione resterà immutata, manterrà un atteggiamento difensivo. Appena finito il discorso di Obama, Al Jazeera ha mandato in onda un servizio sugli scontri tra Hamas e Fatah in Cisgiordania. Come dire: Barack predica bene, ma lì si continua a morire».

Come viene vissuta l'apertura all'Iran?
«Male, ed è il secondo motivo di scetticismo. La prospettiva che l'Iran sciita ottenga l'atomica spaventa il mondo arabo sunnita e in particolare i Paesi del Golfo Persico. Un avvicinamento tra Teheran e Washington non è affatto gradito e anzi viene interpretato come un fattore di possibile destabilizzazione strategica».

E le frasi sulla democrazia e sulle donne?
«Troppo generiche. Non ha citato alcun Paese e dunque gli accenni alla democrazia sono stati ignorati, come quelli sulle donne. Anzi, su internet molte blogger si sono risentite vedendo che Hillary Clinton indossava il velo. Una scelta che hanno giudicato inopportuna: l'Egitto non è l'Arabia Saudita».

Vai alla scheda del libro
Visualizza l'immagine dell'articolo

Pubblicato: 29.06.2009
Odoya srl. Via Benedetto Marcello 7, 40141 Bologna, Italy
Tel/Fax +39.051474494 - info@odoya.it - P. iva 02774391201
Copyright © 2014 Odoya. Powered by Zen Cart - Designed by InArteWeb