I potenti impotenti

I potenti impotenti

UN VOLUME RICOSTRUISCE «IL PEGGIORE DEI MALI» ATTRAVERSO LE BIOGRAFIE DEI GRANDI DELLA STORIA

recensione apparsa su Vanity Fair l' 8 Luglio 2009


di Simona Verrazzo

L’argomento saltò fuori nel 2000 quando Silvio Berlusconi annunciò di essere guarito da un tumore alla prostata grazie ad un’operazione fatta nel 1997. Di impotenza non si parla e come stia oggi Berlusconi nessuno lo sa, anche se Patrizia D’Addario ha consegnato ai magistrati una testimonianza che lo descrive come instancabile. Una carrellata di potenti afflitti da quello che gli uomini chiamano «Il peggiore dei mali», intanto ci arriva dal libro di Angus Mc Laren Storia dell’impotenza, (Odoya, pp. 496,€ 20)
 
LUIGI XVI
Impotente era Luigi XVI di Francia: leggenda vuole che ci vollero otto anni prima che lui e Maria Antonietta consumassero il loro matrimonio. Poi i due ebbero quattro figli, nonostante la sovrana collezionasse amanti.
 
GEORGE WASHINGTON
Lo stesso problema lo aveva George Washington. Il primo presidente degli Stati Uniti si consolava con l’epiteto «Padre della nazione». Per assicurarsi una dinastia adottò John e Martha, i figli che la moglie Martha ebbe dal suo primo matrimonio.
 
SADDAM HUSSEIN
Problemi di impotenza li avrebbe avuti anche Saddam Hussein. Come dichiarato da una sua ex amante, il dittatore iracheno prendeva il Viagra. Stessa sorte per i figli Huday e Qusay, nelle cui tasche, al momento dell’uccisione, sono state rinvenute le famose pillole blu



Vai alla scheda del libro
Visualizza l'immagine dell'articolo

Il numero di Vanity Fair

Vanity Fair di luglio con recensione a Storia dell'impotenza

Pubblicato: 08.07.2009
Odoya srl. Via Carlo Marx 21, 06012 Città di Castello (PG)
Tel +39.0753758159 / Fax +39.0758511753 - info@odoya.it - P. iva 02774391201
Copyright © 2019 Odoya. Powered by Zen Cart - Designed by InArteWeb
Parse Time: 0.119 - Number of Queries: 131 - Query Time: 0.047052024307251