Lucio Dalla versione a Fumetti in una storia di «rossi e di neri

Lucio Dalla versione a Fumetti in una storia di «rossi e di neri

Recensione apparsa sul Mattino il 13 Giugno 2011

Lucio Dalla i fumetti li ama, un brano del suo primo lp, Fumetto, divenne persino sigla di un fortunato programma tv.
Ora «diventa» un fumetto in una storia degli anni di piombo. Quella di Alceste Campanile, militante di lotta continua con un esordio da camerata, ucciso a 22 anni il 12 giugno 1975 da militanti fascisti che non gli avevano perdonato il suo «tradimento».

Nelle strip si vede un giovanissimo Dalla che canta a Reggio Emilia, cosa che davvero avvenne ma la sera dopo dell’assassinio di Alceste, che avrebbe dovuto aprire il suo concerto.
1975. Un delitto emiliano è la novel graphic realizzata dal giornalista Alberto Guarnieri e dal fumettista Emilio Laguardia. Il fumetto, pubblicato da Odoya, è ispirato al delitto Campanile (nel testo però il giovane si chiama Adelchi) ma «vuole raccontare il respiro di un’epoca non un giallo» spiega Guarnieri, che frequentò Campanile. Perciò nel fumetto verità storica e immaginazione si mischiano e si intrecciano.

«Oggi come sembra strano parlare di rossi e neri» riflette Dalla «Oggi è venuta meno l’energia, la vera natura, l’epos straordinario che c’era allora. Ed è rimasta solo la dialettica. Furono anni nevrotici e schizzati, ma rimpiango quell’atteggiamento di chi si metteva a disposizione anche per gli altri, la curiosità della società rispetto alle diversità delle cose, anche della musica, più era strana e più incuriosiva».


Visualizza la scheda del libro
Visualizza l'immagine dell'articolo

Pubblicato: 20.06.2011
Odoya srl. Via Carlo Marx 21, 06012 Città di Castello (PG)
Tel +39.0753758159 / Fax +39.0758511753 - info@odoya.it - P. iva 02774391201
Copyright © 2019 Odoya. Powered by Zen Cart - Designed by InArteWeb
Parse Time: 0.102 - Number of Queries: 132 - Query Time: 0.034437435379028