Lee Morgan, recensione su Fasen.it

Lee Morgan, recensione su Fasen.it

recensione apparsa su Fasen.it il 15 marzo 2009

È difficile trasformare una biografia, un tratto di tempo preciso e rivolto ai profili di una singola persona, in un segmento storico, capace di comprendere la realtà e il destino di un popolo. È ancora più complesso quando la personalità che si va ad affrontare è quella di un jazzista spesso travolto dalla sua stessa vita, ma sempre coinvolto, per parafrasare il titolo di un suo disco, da un “sesto senso” che l’ha portato a condividere istanze sociali e politiche sempre più rilevanti.
L’attenzione verso Lee Morgan, trombettista che dal 1956 al 1972 ha suonato con tutti i grandi jazzisti dell’olimpo (dalla lunga e proficua collaborazione con Art Blakey a quella con Hank Mobley, giusto per citarne un paio) diventa un libro documentatissimo (e curatissimo, almeno per quanto riguarda l’edizione italiana) che va ben oltre la stretta biografia (che comunque è già abbastanza complessa) e diventa un sorta di sguardo obliquo sul mondo del jazz e per estensione della cultura afroamericana.
Basta citare una piccola polemica dello stesso Lee Morgan per capire che si tratta di un territorio in gran parte inesplorato: “Sono sicuro che se mandassero in onda il jazz e le altre forme d’arte, le persone le ascolterebbero. Ma non vogliono perché quando le persone iniziano a pensare, lo fanno sempre di più. Il jazz è una cosa vera, e deve essere circondata dalla verità”.
Quella cosa lì (la verità) qui è facile trovarla, anche se è difficile digerirla. Consigliatissimo.

Clicca qui per andare alla scheda del libro
Clicca qui per visualizzare la pagina su Fasen

Pubblicato: 25.03.2009
Odoya srl. Via Benedetto Marcello 7, 40141 Bologna, Italy
Tel/Fax +39.051474494 - info@odoya.it - P. iva 02774391201
Copyright © 2018 Odoya. Powered by Zen Cart - Designed by InArteWeb
Parse Time: 0.061 - Number of Queries: 130 - Query Time: 0.031590926940918