Il libro nero del Festival di Sanremo

Il libro nero del Festival di Sanremo

20,00 €  17,00 €
15% sconto

Autori: Romano Lupi e Riccardo Mandelli
VOLUME ILLUSTRATO

La storia del Festival di Sanremo non è scritta soltanto dalla “grande evasione” di tv, sorrisi e canzoni. E tantomeno da quello che, davanti agli occhi di tutti, accade sul palcoscenico. Esiste, infatti, una storia segreta che attraversa tutto il dopoguerra italiano e le cui premesse nascono da una sorta di “progetto Sanremo” ideato alla fine dell’Ottocento: un “paradiso terrestre massonico” dove il gioco d’azzardo è il termine medio tra spionaggio internazionale e grandi giochi politici.
Il Festival è l’ultima tappa di un percorso dove la manipolazione sociale assume i morbidi e insinuanti contorni della musica nazional-popolare. Il legame con il casinò è molto forte. Non è un caso che la più importante kermesse canora del nostro paese sia nata e si sia sviluppata in stretto collegamento con una delle quattro case da gioco italiane, tra i rapporti indicibili delle istituzioni con la criminalità organizzata, i servizi segreti e l’industria discografica.
Gli scandali emersi nel corso degli anni presentano risvolti molto più inquietanti rispetto a quello che ci si potrebbe aspettare. Dalle ambigue figure dei primi “patron” festivalieri come Pier Bussetti, Achille Cajafa ed Ezio Radaelli, con i loro tragici destini, alla misteriosa morte di Luigi Tenco; dal ruolo del Vaticano nell’industria del gioco e dell’intrattenimento ai Festival truccati; dalle tangenti di Adriano Aragozzini fino alle polemiche sulle amicizie in odore di mafia del direttore artistico Tony Renis.
La storia d’Italia non è mai banale ed è sempre capace di stupire, anche quando “sono solo canzonette”.

“Se vuoi capire il Paese, c’è poco da fare:
devi guardare Sanremo.”

– Domenico De Masi –


“Un paese che mette a capo dello spettacolo più importante
della rete più importante della tv pubblica un uomo che rivendica
con orgoglio le sue amicizie di mafia, un uomo che ospita a casa sua
i boss e che gli fa avere pranzi in cella di sicurezza quando vengono arrestati,
questo è un paese che fa passare un messaggio devastante:
essere amici della mafia non è un problema, anzi può essere un vantaggio.”
– Nando dalla Chiesa parlando di Tony Renis –



Autori
Romano Lupi, nato a Sanremo, è giornalista pubblicista dal 2005 e scrittore. Ha al suo attivo diverse collaborazioni con giornali e riviste culturali. Tra i suoi libri: Sanremando tra cronaca e storia (con Franco D’Imporzano); Futbolstrojka. Il calcio sovietico negli anni della Perestrojka (con Mario Alessandro Curletto); Il calcio sotto le bombe. Storia del Liguria nel campionato di guerra del ’44; Jašin. Vita di un portiere (con Mario Alessandro Curletto). Per Odoya ha già pubblicato: Vittò. Giuseppe Vittorio Guglielmo (2016).

Riccardo Mandelli è storico e scrittore. Tra i suoi saggi ricordiamo: L’ultimo sultano. Come l’Impero ottomano morì a Sanremo; Al casinò con Mussolini. Gioco d’azzardo, massoneria ed esoterismo intorno all’ombra di Matteotti; Decreti sporchi. La lobby del gioco d’azzardo e il delitto Matteotti. Per Odoya ha già pubblicato: Le case del destino. Uomini, fatti e segreti dell’industria del gioco d’azzardo in Italia dalla fine dell’Ottocento a oggi (2015) e I Fantastici 4 vs Lenin. Una missione della Massoneria italiana nella Russia del 1917 (2017).


Da inserire:

    ISBN: 978-88-6288-346-7
    Pagine: 320 
    Brossura con bandelle
    Formato: 15,5x21 cm
    Data di pubblicazione: Novembre 2016
    Editore: Odoya

Data di inserimento in catalogo: 08.01.2017.

Odoya srl. Via Benedetto Marcello 7, 40141 Bologna, Italy
Tel/Fax +39.051474494 - info@odoya.it - P. iva 02774391201
Copyright © 2017 Odoya. Powered by Zen Cart - Designed by InArteWeb
Parse Time: 0.068 - Number of Queries: 324 - Query Time: 0.03540108052063