Corpi impuri

Corpi impuri

Il tabů delle mestruazioni

15,00 €  12,75 €
15% sconto

Autore: Marinella Manicardi
Postfazione: Giancarla Codrignani
VOLUME ILLUSTRATO

Si dice: ho le mie cose, sono indisposta, ho il marchese... il marchese? In “quei giorni” mia madre mi vietava il bagno e non preparava la maionese: sarebbe impazzita! Come pure non toccava i fiori: sarebbero appassiti. Oggi per molte donne le innominabili mestruazioni sono una scocciatura, se non un’imbarazzante vergogna. Gli uomini, poi, spesso non ne vogliono nemmeno sentir parlare: che schifo! Se il sangue mestruale provenisse – non so – da un braccio, forse non sarebbe coperto da censure. Ma quel sangue proviene da dove ha origine la vita. E lì, in quel punto, attorno al sesso femminile, si è scatenata una battaglia esilarante e tragica. Scienza e religione si sono affrontate nei secoli con dogmi strampalati e teorie scientifiche fantasiose; fino al 1875 quando, finalmente, hanno cominciato a capirci qualcosa.
Ma resta ancora molto da scoprire… perché il tabù è, ancora oggi, così forte nell’immaginario collettivo da riuscire a influenzare leggi, discriminazioni, forme di violenza, superstizione, etichetta, linguaggio e rappresentazione. Eppure è semplicemente sangue, così naturale che senza mestruazioni non ci sarebbero nemmeno i bambini, cioè noi. E allora perché in molte culture e per le tre religioni monoteiste (cattolica, ebraica e musulmana) il corpo mestruato della donna è un corpo impuro?
Non è mio compito approfondire ogni aspetto chimico-fisico e ginecologico del ciclo: questo non è un saggio scientifico sul fenomeno, ma il tentativo – con tono ironico e leggero attraversando storia, arti, costume e società – di toccare un tema serio e molto denso, di sgomberare il campo da superstizioni, false credenze mediche o religiose, rappresentazioni fantasiose, imbarazzi inutili.

Cacciata di Adamo
ed Eva dal Paradiso.
“Tu, Adamo, pagherai con
il sudore della tua fronte.
E tu, Eva, con il sangue… ma in comode rate mensili!”



Autore
Marinella Manicardi,  ha debuttato in teatro a Bologna, diretta da Luigi Gozzi, con cui ha condiviso la direzione artistica del Teatro delle Moline, raccontata in Trent’anni dopo: il Teatro delle Moline (Edisai 2006).
Ha registrato sceneggiati radiofonici, diversi Racconti di mezzanotte e tenuto laboratori teatrali. È autrice di Luana prontomoda (2005) e Corpi impuri (2011) per il Festival Filosofia di Modena. Da quest’ultimo spettacolo è nata l’idea del presente pamphlet.
Del suo lavoro di attrice ha scritto Paolo Puppa ne La voce solitaria (Bulzoni 2010).
Per Pendragon, insieme a Federica Iacobelli, ha pubblicato nel 2013 La Maria dei dadi da brodo.

Giancarla Codrignani, scrittrice, giornalista, parlamentare per tre legislature.


Da inserire:


Data di inserimento in catalogo: 08.11.2017.

Odoya srl. Via Benedetto Marcello 7, 40141 Bologna, Italy
Tel/Fax +39.051474494 - info@odoya.it - P. iva 02774391201
Copyright © 2017 Odoya. Powered by Zen Cart - Designed by InArteWeb
Parse Time: 0.070 - Number of Queries: 325 - Query Time: 0.036402764572143