Catalogo Arti Arte Anna e Amedeo
Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 173 Isbn: 978-88-6288-265-1 Pagine: 176 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2015
Autore: Boris Nossik Traduzione: Emanuela Guercetti

Anna e Amedeo

Storia dell'amore segreto di Anna Achmatova e Amedeo Modigliani

Boris Nossik

Anna e Amedeo

Storia dell'amore segreto di Anna Achmatova e Amedeo Modigliani

Boris Nossik

sconto 5%
13,30€ 14,00€

L’incontro fra Anna Achmatova e Amedeo Modigliani nella primavera del 1910, sullo sfondo dell’esuberante vita parigina che attrasse qui molti talenti da tutto il mondo. In un quotidiano confronto artistico e intellettuale con celebri personalità quali Léger, Picasso, Soutine, Diego Rivera e... Lev Trockij! Fra i pittori di Montparnasse, i Balletti Russi, il Quartiere Latino e i viali dei Giardini di Lussemburgo. Amedeo Modigliani s’innamora di Anna in un celebre caffè dov’è accompagnata dal primo marito, il poeta Nikolaj Gumilëv. Questo improvviso colpo di fulmine coincide con il primo mese di matrimonio di Anna.
La relazione sentimentale fra Anna e Amedeo è effervescente e naturalmente viene tenuta nascosta. Presto Anna ritorna in Russia, dove il ricordo di Amedeo le ispira alcune delle sue liriche più famose. Sarà di nuovo a Parigi nel 1911, e questa volta non accompagnata dal marito! L’irrefrenabile passione di questa seconda stagione della loro peccaminosa relazione viene "sublimata" da Modigliani in alcuni dei suoi più audaci e meno noti schizzi a matita, che ritraggono l’Achmatova nella posa della Maja Vestida e della Maja Desnuda del Goya.
Modigliani morì molto giovane di tubercolosi, nel 1920. Anna Achmatova visse invece a lungo per divenire il simbolo della poesia russa del XX secolo (apprezzata anche in Italia, Inghilterra e Francia). Dopo decenni di sofferenze e persecuzioni politiche, dopo la tragica morte dei tre mariti e l’imprigionamento del figlio nei lager staliniani, la poetessa compì un nuovo viaggio a Parigi, tornando a visitare quella Rue Bonaparte dove aveva vissuto i momenti più intensi del suo amore per Modigliani.

"Lei è in me come un’ossessione…"
– Amedeo Modigliani –


"Al posto di una pacifica gioia volevamo un dolore che mordesse…
no, non lascerò il mio compagno dissoluto e tenero."
– Anna Achmatova –


"No, non era una bellezza. Ma era più, era meglio di una bellezza.
Non mi era mai capitato prima di vedere una donna il cui viso e tutta
la persona spiccasse ovunque, anche fra le più belle, per la sua espressività,
la sua autentica spiritualità, qualcosa che catturava subito l’attenzione…"
– Georgij Adamovič –

Boris Nossik

Boris Nossik, giornalista, saggista, biografo e documentarista russo nato nel 1931, ha iniziato la sua carriera nei primi anni Cinquanta, come reporter che “interpretava l’estero per i russi”: è stato suo merito descrivere l’Inghilterra e la Francia al lettore sovietico, attraverso la sua voce trasmessa da Radio Mosca e BBC Liberty. Stimato traduttore dall’inglese al russo delle opere di Vladimir Nabokov e autore della prima biografia di Nabokov (1995), è uno dei più noti intermediari culturali nella Russia di oggi. Vive attualmente a Nizza.

Nessun sommario presente.

L’incontro fra Anna Achmatova e Amedeo Modigliani nella primavera del 1910, sullo sfondo dell’esuberante vita parigina che attrasse qui molti talenti da tutto il mondo. In un quotidiano confronto artistico e intellettuale con celebri personalità quali Léger, Picasso, Soutine, Diego Rivera e... Lev Trockij! Fra i pittori di Montparnasse, i Balletti Russi, il Quartiere Latino e i viali dei Giardini di Lussemburgo. Amedeo Modigliani s’innamora di Anna in un celebre caffè dov’è accompagnata dal primo marito, il poeta Nikolaj Gumilëv. Questo improvviso colpo di fulmine coincide con il primo mese di matrimonio di Anna.
La relazione sentimentale fra Anna e Amedeo è effervescente e naturalmente viene tenuta nascosta. Presto Anna ritorna in Russia, dove il ricordo di Amedeo le ispira alcune delle sue liriche più famose. Sarà di nuovo a Parigi nel 1911, e questa volta non accompagnata dal marito! L’irrefrenabile passione di questa seconda stagione della loro peccaminosa relazione viene "sublimata" da Modigliani in alcuni dei suoi più audaci e meno noti schizzi a matita, che ritraggono l’Achmatova nella posa della Maja Vestida e della Maja Desnuda del Goya.
Modigliani morì molto giovane di tubercolosi, nel 1920. Anna Achmatova visse invece a lungo per divenire il simbolo della poesia russa del XX secolo (apprezzata anche in Italia, Inghilterra e Francia). Dopo decenni di sofferenze e persecuzioni politiche, dopo la tragica morte dei tre mariti e l’imprigionamento del figlio nei lager staliniani, la poetessa compì un nuovo viaggio a Parigi, tornando a visitare quella Rue Bonaparte dove aveva vissuto i momenti più intensi del suo amore per Modigliani.

"Lei è in me come un’ossessione…"
– Amedeo Modigliani –


"Al posto di una pacifica gioia volevamo un dolore che mordesse…
no, non lascerò il mio compagno dissoluto e tenero."
– Anna Achmatova –


"No, non era una bellezza. Ma era più, era meglio di una bellezza.
Non mi era mai capitato prima di vedere una donna il cui viso e tutta
la persona spiccasse ovunque, anche fra le più belle, per la sua espressività,
la sua autentica spiritualità, qualcosa che catturava subito l’attenzione…"
– Georgij Adamovič –

Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 173 Isbn: 978-88-6288-265-1 Pagine: 176 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2015
Autore: Boris Nossik Traduzione: Emanuela Guercetti
Nessun sommario presente.
Boris Nossik

Boris Nossik, giornalista, saggista, biografo e documentarista russo nato nel 1931, ha iniziato la sua carriera nei primi anni Cinquanta, come reporter che “interpretava l’estero per i russi”: è stato suo merito descrivere l’Inghilterra e la Francia al lettore sovietico, attraverso la sua voce trasmessa da Radio Mosca e BBC Liberty. Stimato traduttore dall’inglese al russo delle opere di Vladimir Nabokov e autore della prima biografia di Nabokov (1995), è uno dei più noti intermediari culturali nella Russia di oggi. Vive attualmente a Nizza.

Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201 - Scrivi una mail
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy Contatti