Catalogo Musica Grunge is dead
Novità
volume illustrato Collana: OMu - Odoya Musica Numero di collana: 48 Isbn: 978-88-6288-715-1 Pagine: 528 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2021 Traduzione: Stefano Focacci, Valeria Sgarella Postfazione: Luca Moccafighe Prefazione: Massimo Padalino, Valeria Sgarella Autore: Greg Prato
Novità

Grunge is dead

Storia orale del grunge

Greg Prato

sconto 5%
28,50€ 30,00€
Nella sua significativa parabola, tra il 1992 e il 1995, il movimento grunge ha "sfornato" alcuni fra i più grandi gruppi musicali di tutti i tempi, tra cui Nirvana, Pearl Jam, Alice in Chains e Soundgarden.
La storia del grunge attraverso le parole di chi c’era: Greg Prato compone una grandiosa "storia orale" che raccoglie più di 130 interviste, ricostruendo un eccezionale affresco di quella scena. Dalla prima intervista di Eddie Vedder in cui racconta la storia e le vicende umane della band a un animato dialogo fra i membri degli Alice in Chains, seguìto dalle toccanti parole della madre di Layne Staley che ricorda la dipendenza da eroina e la morte del figlio.
Ma Grunge is Dead è anche un libro che raccoglie centinaia di informazioni sul background meno noto di questo genere musicale, dal movimento Riot Grrrl alle tante band considerate "minori" e spesso trascurate, come Mother Love Bone, Melvins, Screaming Trees, Mudhoney.
Il libro riesce così a scavare più a fondo di qualsiasi altra storia del grunge, partendo dai primi anni Sessanta per ripercorrere e spiegare dall’interno la catena di eventi che hanno dato vita al movimento.
Il risultato finale è una "bibbia" appassionante per i fan di lunga data, ma anche una storia nuova, immediata e fresca per chi si avvicina da "profano" alla coinvolgente scena musicale di Seattle.


"Il grunge riuscì a condensare in un periodo di quattro anni
qualcosa di veramente straordinario…
Per pochi, brevi, brillanti momenti fece cambiare
la direzione della cultura, e portò con sé
un'innegabile ventata di cambiamento".
– Greg Prato, dall’Introduzione

"La scena musicale più eccitante prodotta da una singola città,
come non accadeva dai tempi della Londra punk".
– Everett True, primo giornalista a adoperare il termine "grunge"
Greg Prato
giornalista e autore musicale newyorchese, scrive per Rolling Stone, All Music Guide e Classic Rock Magazine. Grande appassionato ed esperto di musica, ha pubblicato numerosi saggi sull’argomento. Tra questi, ricordiamo: No Schlock… Just Rock! (2009), MTV Ruled the World: The Early Years of Music Video (2011), Sack Exchange: The Definitive Oral History of the 1980s New York Jets (2011), e i più recenti Avatar Of The Electric Guitar: The Genius Of Jimi Hendrix (2020) e BONZO: 30 Rock Drummers Remember the Legendary John Bonham (2020).
Valeria Sgarella
giornalista e scrittrice milanese, ha svolto attività radiofonica per oltre vent’anni come autrice e speaker, e ha lavorato a MTV Italia nel settore produzione. Ha scritto di musica per una serie di riviste musicali e non. Ha pubblicato la biografia del cantautore americano Andy Wood e la storia della casa discografica Sub Pop Records.
Massimo Padalino
ha collaborato con magazine musicali e quotidiani come Blow Up, Rockerilla, Il Mucchio Extra e il Manifesto; è stato redattore della webzine Movimenta e del digital magazine SentireAscoltare. Ha partecipato al volume collettivo Rock e altre contaminazioni: 600 album fondamentali (Tuttle Edizioni, 2008); ha pubblicato due volumi con i testi commentati dei Beatles e una fortunata biografia su Vinicio Capossela. Per Giunti ha pubblicato Storie di ordinaria follia rock (2019). Per Meridiano Zero ha pubblicato il saggio Space Is the Place. Storie di spazio, storie di spazi (2016) e il romanzo Il gioco (2016).
Per Odoya ha già pubblicato Nick Cave. Bad Seed, la ballata di Re Inkiostro (2020) e Outsider. Personaggi che hanno cambiato l’arte, la scrittura, la musica e il pensiero (2021). Vive a Torviscosa (UD).
Luca Moccafighe
è autore di Nick Cave. And the dhe angel (Arcana 2010). Tra le sue pubblicazioni: Dario Fo. Il nostro piangere fa male al re e, insieme a Giulio Casale, Jeff Buckley. Dark Angel.
Prefazione
di Valeria Sgarella

Prefazione all’edizione 2012
Quella cosa chiamata grunge
di Massimo Padalino

Introduzione

ANNI SESSANTA E SETTANTA

1. «Si trattava soprattutto di isolamento»
Gli anni Sessanta e Settanta

2. «Seattle era la città più vicina»
Trapiantati

INIZIO-METÀ ANNI OTTANTA

3. «A quei tempi era facile sconvolgere la gente»
Dall’inizio alla metà degli anni Ottanta

4. «Il periodo dal ’79 all’84 fu pieno d’attività»
Power Pop, New Wave, Heavy Metal

5. «La grande onda creativa dal Nordovest»
Blackouts, Fastbacks, U-Men, Mr. Epp, Duff McKagan

6. «La Chiesa era veramente in seduta»
I locali, The Rocket, i negozi di dischi, le radio

7. «Il David Lee Roth del punk rock»
Malfunkshun

8. «Godzilla che abbatte gli edifici»
Shemps, Soundgarden

9. «Solo perché sai farlo, non è detto che tu lo debba fare»
Melvins, Green River, Screaming Trees

10. «Il prossimo, logico passo è fondare un’etichetta discografica»
K Records, Sub Pop Records, C/Z Records

DALLA METÀ ALLA FINE DEGLI ANNI OTTANTA

11. «Se solo riuscissimo a farlo restare un segreto»
Dalla metà alla fine degli anni Ottanta

12. «Come facevano, in tre, a suonare come se fossero stati in nove?»
Nirvana #1

13. «La sciatteria era essenziale»
Thrown Ups, Mudhoney

14. «TOGLITI DI MEZZO!»
Melvins, Screaming Trees, Skin Yard, Tad

15. «Cupo, nero e triste»
Soundgarden, Alice in Chains #1

16. «Sarà una delle più grandi rockstar al mondo – non c’è dubbio»
Mother Love Bone, la morte di Andy Wood

1990-1991

17. «Ok, questa farà il botto»
1990-1991

18. «Se riuscite a vendere 40.000 copie, ve ne fanno fare un altro»
Pearl Jam, Temple of the Dog

19. «Un periodo ad alto livello di testosterone»
Alice in Chains, Soundgarden #2

20. «Voi ragazzi diventerete più grandi, che so, degli Hüsker Dü»
Nirvana, Nevermind

21. «Il fatto che non siano riusciti a raggiungere un pubblico più ampio mi lascia perplesso»
Mudhoney, Tad, Screaming Trees, Truly, Melvins, Jesse Bernstein

22. «Ribellarsi contro il machismo predominante nella scena grunge all’epoca»
Riot Grrrl #1

1992-1993

23. «Attento a cosa desideri, potresti ottenerlo»

1992-1993

24. «Erano alla radio, la gente parlava di loro, la gente portava camicie di flanella, e i loro poster erano dappertutto»
Pearl Jam #1

25. «Le cose cambiarono, e cambiarono alla svelta»
Soundgarden, Alice in Chains #3

26. «Tanto valeva che cominciassimo a parlare con le major»
Mudhoney, Tad, Skin Yard, Screaming Trees, Melvins, Brad

27. «Se c’eri, ne facevi parte»
Riot Grrrl #2

28. «Niente era più ok»
Nirvana #2

1994 E OLTRE

29. «Sembrava proprio che il mondo fosse andato a puttane»
La morte di Kurt Cobain e il 1994

30. «Dove vado io, vai anche tu»
Ricordo di Kurt Cobain

31. «La rovina dell’intera scena»
Droga

32. «Prepararsi al peggio»
Alice in Chains e la morte di Layne Staley

33. «La magia finale»
Lo scioglimento dei Soundgarden

34. «Un ritorno alla grande»
Mudhoney, Tad, Screaming Trees, Melvins, Truly

35. «Si batterono per qualcosa in cui credevano»
Pearl Jam #2

36. «Finalmente – una nuova crescita»
Post-grunge

37. «Forse sono un tipo strano»
Come verrà ricordato il grunge?

Ringraziamenti
Personaggi
Postfazione
di Luca Moccafighe

Indice dei nomi
Nella sua significativa parabola, tra il 1992 e il 1995, il movimento grunge ha "sfornato" alcuni fra i più grandi gruppi musicali di tutti i tempi, tra cui Nirvana, Pearl Jam, Alice in Chains e Soundgarden.
La storia del grunge attraverso le parole di chi c’era: Greg Prato compone una grandiosa "storia orale" che raccoglie più di 130 interviste, ricostruendo un eccezionale affresco di quella scena. Dalla prima intervista di Eddie Vedder in cui racconta la storia e le vicende umane della band a un animato dialogo fra i membri degli Alice in Chains, seguìto dalle toccanti parole della madre di Layne Staley che ricorda la dipendenza da eroina e la morte del figlio.
Ma Grunge is Dead è anche un libro che raccoglie centinaia di informazioni sul background meno noto di questo genere musicale, dal movimento Riot Grrrl alle tante band considerate "minori" e spesso trascurate, come Mother Love Bone, Melvins, Screaming Trees, Mudhoney.
Il libro riesce così a scavare più a fondo di qualsiasi altra storia del grunge, partendo dai primi anni Sessanta per ripercorrere e spiegare dall’interno la catena di eventi che hanno dato vita al movimento.
Il risultato finale è una "bibbia" appassionante per i fan di lunga data, ma anche una storia nuova, immediata e fresca per chi si avvicina da "profano" alla coinvolgente scena musicale di Seattle.


"Il grunge riuscì a condensare in un periodo di quattro anni
qualcosa di veramente straordinario…
Per pochi, brevi, brillanti momenti fece cambiare
la direzione della cultura, e portò con sé
un'innegabile ventata di cambiamento".
– Greg Prato, dall’Introduzione

"La scena musicale più eccitante prodotta da una singola città,
come non accadeva dai tempi della Londra punk".
– Everett True, primo giornalista a adoperare il termine "grunge"
volume illustrato Collana: OMu - Odoya Musica Numero di collana: 48 Isbn: 978-88-6288-715-1 Pagine: 528 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2021 Traduzione: Stefano Focacci, Valeria Sgarella Postfazione: Luca Moccafighe Prefazione: Massimo Padalino, Valeria Sgarella Autore: Greg Prato
Greg Prato
giornalista e autore musicale newyorchese, scrive per Rolling Stone, All Music Guide e Classic Rock Magazine. Grande appassionato ed esperto di musica, ha pubblicato numerosi saggi sull’argomento. Tra questi, ricordiamo: No Schlock… Just Rock! (2009), MTV Ruled the World: The Early Years of Music Video (2011), Sack Exchange: The Definitive Oral History of the 1980s New York Jets (2011), e i più recenti Avatar Of The Electric Guitar: The Genius Of Jimi Hendrix (2020) e BONZO: 30 Rock Drummers Remember the Legendary John Bonham (2020).
Valeria Sgarella
giornalista e scrittrice milanese, ha svolto attività radiofonica per oltre vent’anni come autrice e speaker, e ha lavorato a MTV Italia nel settore produzione. Ha scritto di musica per una serie di riviste musicali e non. Ha pubblicato la biografia del cantautore americano Andy Wood e la storia della casa discografica Sub Pop Records.
Massimo Padalino
ha collaborato con magazine musicali e quotidiani come Blow Up, Rockerilla, Il Mucchio Extra e il Manifesto; è stato redattore della webzine Movimenta e del digital magazine SentireAscoltare. Ha partecipato al volume collettivo Rock e altre contaminazioni: 600 album fondamentali (Tuttle Edizioni, 2008); ha pubblicato due volumi con i testi commentati dei Beatles e una fortunata biografia su Vinicio Capossela. Per Giunti ha pubblicato Storie di ordinaria follia rock (2019). Per Meridiano Zero ha pubblicato il saggio Space Is the Place. Storie di spazio, storie di spazi (2016) e il romanzo Il gioco (2016).
Per Odoya ha già pubblicato Nick Cave. Bad Seed, la ballata di Re Inkiostro (2020) e Outsider. Personaggi che hanno cambiato l’arte, la scrittura, la musica e il pensiero (2021). Vive a Torviscosa (UD).
Valeria Sgarella
giornalista e scrittrice milanese, ha svolto attività radiofonica per oltre vent’anni come autrice e speaker, e ha lavorato a MTV Italia nel settore produzione. Ha scritto di musica per una serie di riviste musicali e non. Ha pubblicato la biografia del cantautore americano Andy Wood e la storia della casa discografica Sub Pop Records.
Luca Moccafighe
è autore di Nick Cave. And the dhe angel (Arcana 2010). Tra le sue pubblicazioni: Dario Fo. Il nostro piangere fa male al re e, insieme a Giulio Casale, Jeff Buckley. Dark Angel.
Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy