volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 357 Isbn: 978-88-6288-523-2 Pagine: 320 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2019
Autore: Eric John Holmyard

Storia dell'alchimia

Eric John Holmyard

Storia dell'alchimia

Eric John Holmyard

sconto 5%
19,00€ 20,00€
L’oro ha sempre esercitato il suo fascino sull’uomo e da sempre si è cercata la strada per fabbricarlo, per trasmutare i metalli vili nel metallo più prezioso. Quest’idea ha condotto a incessanti (e talvolta bizzarri) esperimenti che hanno traghettato il sapere alla moderna scienza chimica di oggi.

Ogni epoca ha visto affiancarsi a molti onesti alchimisti abili truffatori e ciarlatani, furfanti votati a ingannare le persone facendo leva sulla credulità e sulla cupidigia umana, lasciando credere che esistesse un metodo infallibile per acquistare una ricchezza illimitata.

Ma l’alchimia è stata anche molto altro: per molti significò anni gettati e fortune disperse nel tentativo di preparare un elisir di lunga vita; per altri l’esplorazione di un simbolismo religioso o mistico capace di condurre al perfezionamento dell’anima umana.

La Storia dell’alchimia descrive le origini e lo sviluppo di quest’arte, dal periodo greco all’Ottocento, dalla Cina al mondo arabo. L’elemento romanzesco e avventuroso di questa storia è illustrato da passi tratti dalle opere dei suoi più celebri e noti indagatori.


Ogni legge scientifica è il relitto di un sogno mitologico...

"È pertanto l’alchimia una casta meretrice, che ha molti amanti,
ma tutti delude e a nessuno concede il suo amplesso.
Trasforma gli stolti in mentecatti, i ricchi in miserabili,
i filosofi in allocchi, e gli ingannati in loquacissimi ingannatori..."

- Trithemius -
Eric John Holmyard

Eric John Holmyard (1891-1959), per venti anni è stato a capo del Dipartimento delle Scienze del Clifton College. Nel 1941 promosse la fondazione della rivista scientifica internazionale Endeavour, da lui diretta fino al 1954. Ha dedicato ampie ricerche alla storia dell’alchimia e alle origini della chimica, occupandosi soprattutto della cultura araba medievale. A lui si deve la traduzione di numerose opere alchimistiche di autori arabi.

Introduzione

Gli alchimisti greci

L’alchimia in Cina

L’apparato alchimistico

L’alchimia islamica
Khalid ibn Yazìd
Le origini dell’alchimia nell’Islam
Giabir ibn Hayyàn (Geber)
La Turba philosophorum
Ràzi (Rhazes)
Avicenna
La Tabula smaragdina
I tardi alchimisti musulmani

I primi alchimisti dell’Occidente
Passaggio dall’Islam all’Europa occidentale
Alberto Magno e Ruggero Bacone
Arnaldo da Villanova
Raimondo Lullo
Il Geber latino
La Pretiosa Margarita Novella
John Dastin

Segni, simboli, termini segreti

Paracelso

Alcuni alchimisti inglesi
Chaucer e l’alchimia
George Ripley
The Ordinall of Alchimy
Thomas Charnock
Edward Kelly e John Dee
Sir Kenelm Digby

Alchimisti scozzesi
Alexander Seton e Michael Sendivogius

Due alchimisti francesi: Flamel e Zachaire
Nicolas Flamel
Denis Zachaire

Helvetius, Price e Semler
Johann Friedrich Schweitzer (Helvetius)
James Price
Johann Semler

Epilogo

Note
Bibliografia
Indice dei nomi

L’oro ha sempre esercitato il suo fascino sull’uomo e da sempre si è cercata la strada per fabbricarlo, per trasmutare i metalli vili nel metallo più prezioso. Quest’idea ha condotto a incessanti (e talvolta bizzarri) esperimenti che hanno traghettato il sapere alla moderna scienza chimica di oggi.

Ogni epoca ha visto affiancarsi a molti onesti alchimisti abili truffatori e ciarlatani, furfanti votati a ingannare le persone facendo leva sulla credulità e sulla cupidigia umana, lasciando credere che esistesse un metodo infallibile per acquistare una ricchezza illimitata.

Ma l’alchimia è stata anche molto altro: per molti significò anni gettati e fortune disperse nel tentativo di preparare un elisir di lunga vita; per altri l’esplorazione di un simbolismo religioso o mistico capace di condurre al perfezionamento dell’anima umana.

La Storia dell’alchimia descrive le origini e lo sviluppo di quest’arte, dal periodo greco all’Ottocento, dalla Cina al mondo arabo. L’elemento romanzesco e avventuroso di questa storia è illustrato da passi tratti dalle opere dei suoi più celebri e noti indagatori.


Ogni legge scientifica è il relitto di un sogno mitologico...

"È pertanto l’alchimia una casta meretrice, che ha molti amanti,
ma tutti delude e a nessuno concede il suo amplesso.
Trasforma gli stolti in mentecatti, i ricchi in miserabili,
i filosofi in allocchi, e gli ingannati in loquacissimi ingannatori..."

- Trithemius -
volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 357 Isbn: 978-88-6288-523-2 Pagine: 320 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2019
Autore: Eric John Holmyard

Introduzione

Gli alchimisti greci

L’alchimia in Cina

L’apparato alchimistico

L’alchimia islamica
Khalid ibn Yazìd
Le origini dell’alchimia nell’Islam
Giabir ibn Hayyàn (Geber)
La Turba philosophorum
Ràzi (Rhazes)
Avicenna
La Tabula smaragdina
I tardi alchimisti musulmani

I primi alchimisti dell’Occidente
Passaggio dall’Islam all’Europa occidentale
Alberto Magno e Ruggero Bacone
Arnaldo da Villanova
Raimondo Lullo
Il Geber latino
La Pretiosa Margarita Novella
John Dastin

Segni, simboli, termini segreti

Paracelso

Alcuni alchimisti inglesi
Chaucer e l’alchimia
George Ripley
The Ordinall of Alchimy
Thomas Charnock
Edward Kelly e John Dee
Sir Kenelm Digby

Alchimisti scozzesi
Alexander Seton e Michael Sendivogius

Due alchimisti francesi: Flamel e Zachaire
Nicolas Flamel
Denis Zachaire

Helvetius, Price e Semler
Johann Friedrich Schweitzer (Helvetius)
James Price
Johann Semler

Epilogo

Note
Bibliografia
Indice dei nomi

Eric John Holmyard

Eric John Holmyard (1891-1959), per venti anni è stato a capo del Dipartimento delle Scienze del Clifton College. Nel 1941 promosse la fondazione della rivista scientifica internazionale Endeavour, da lui diretta fino al 1954. Ha dedicato ampie ricerche alla storia dell’alchimia e alle origini della chimica, occupandosi soprattutto della cultura araba medievale. A lui si deve la traduzione di numerose opere alchimistiche di autori arabi.

Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201 - Scrivi una mail
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy Contatti