Catalogo Arti Cinema Vita semieroica di Franco Valobra
volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 256 Isbn: 978-88-6288-379-5 Pagine: 272 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2017
Autore: Dario Biagi

Vita semieroica di Franco Valobra

Dario Biagi

Vita semieroica di Franco Valobra

Dario Biagi

sconto 5%
17,10€ 18,00€

Molti lo ricordano per la sua partecipazione al film Il nome della rosa, dove non dice una parola ma è impossibile non notarlo. Altri come il dottor Fez ne Il gioco di Milo Manara. Fu amato da Fellini e stimato da Bertolucci, che lo recuperò, a un certo punto della vita, da una spiaggia della Martinica dove era finito a leggere i tarocchi in seguito a una disavventura sentimentale. Ma questi, nell’intensa vita di Franco Valobra, sono solo alcuni dettagli.
Classe 1924, torinese di nascita e cortonese d’adozione, a vent’anni diviene attivista del Partito d’Azione. Solo dopo la guerra si laurea in Farmacia, senza tuttavia esercitare la professione. Sente infatti molto più congeniali al suo temperamento la critica cinematografica e il giornalismo. Scrive su Camus, Fitzgerald e Vittorini, venendo in breve riconosciuto come un protagonista del giornalismo culturale italiano negli anni Sessanta. Scrivendo per una lunga serie di quotidiani e riviste, ha l’occasione di incontrare alcuni fra i maggiori personaggi della letteratura, del cinema, dello sport e delle arti, su scala mondiale, divenendone intimo amico. Intellettuale libero e controcorrente, fu l’anima intelligente e colta di Playmen, primo magazine di erotismo patinato nato in Italia cinquant’anni fa sul modello di Playboy, intervistando nomi come Sciascia, Ginsberg, Moravia, Fred Astaire, Vargas Llosa e Ionesco.
Dario Biagi, già biografo di altri grandi "irregolari" della cultura italiana novecentesca, ci restituisce la sua contraddittoria complessità con i miti e gli umori di un’epoca, sulla base di testi editi e inediti e di una fitta serie di testimonianze. Ne emerge il suggestivo e imperdibile ritratto di uno degli intellettuali più interessanti ed eclettici del Novecento.

La vita picaresca dell’eterno fanciullo
che ha fatto la storia del giornalismo
culturale tra anni Sessanta e Settanta


"Proprio la sua creatività, il suo rifiuto ad accettare ideologie,
categorie a priori, compromessi che non equivalgano a sfide,
fanno di Franco Valobra insieme un personaggio e un autore unico."
– Claudio Gorlier –

"Franco Valobra è uno dei personaggi più interessanti,
e intelligenti, del mondo della cultura.
Ed è anche uno dei pochi a possedere una biografia movimentata,
nel senso che non è il solito professorino che un bel giorno si è messo a scrivere.
Le interviste di Valobra su Playmen a grandi personaggi della letteratura,
del cinema, della politica, dello sport sono oggi dei classici.
Molti degli intervistati, tra cui Fred Astaire, Vargas Llosa, Ionesco e Ginsberg,
diventarono buoni amici di Valobra, come Umberto Eco e Leonardo Sciascia."
– Giuseppe Pederiali –

Dario Biagi

Dario Biagi è giornalista e scrittore. A lungo nella redazione Cultura della Rai, ha lavorato per vari periodici.

Ha pubblicato altre sei biografie: Vita scandalosa di Giuseppe Berto (Bollati Boringhieri 1999), L’incantatore. Storia di Gian Carlo Fusco (Avagliano 2005), Il dio di carta. Vita di Erich Linder (Avagliano 2007), Cagnaccio di San Pietro (Gaffi 2013), Il ribelle gentile. La vera storia di Piero Manzoni (Stampa Alternativa 2013) e, con Odoya, nel 2017, Vita semieroica di Franco Valobra.

Ha anche curato una mostra di Cagnaccio di San Pietro nel 2015, a Ca’ Pesaro di Venezia.

Nessun sommario presente.
Altri libri di Dario Biagi

Adelina Tattilo

Molti lo ricordano per la sua partecipazione al film Il nome della rosa, dove non dice una parola ma è impossibile non notarlo. Altri come il dottor Fez ne Il gioco di Milo Manara. Fu amato da Fellini e stimato da Bertolucci, che lo recuperò, a un certo punto della vita, da una spiaggia della Martinica dove era finito a leggere i tarocchi in seguito a una disavventura sentimentale. Ma questi, nell’intensa vita di Franco Valobra, sono solo alcuni dettagli.
Classe 1924, torinese di nascita e cortonese d’adozione, a vent’anni diviene attivista del Partito d’Azione. Solo dopo la guerra si laurea in Farmacia, senza tuttavia esercitare la professione. Sente infatti molto più congeniali al suo temperamento la critica cinematografica e il giornalismo. Scrive su Camus, Fitzgerald e Vittorini, venendo in breve riconosciuto come un protagonista del giornalismo culturale italiano negli anni Sessanta. Scrivendo per una lunga serie di quotidiani e riviste, ha l’occasione di incontrare alcuni fra i maggiori personaggi della letteratura, del cinema, dello sport e delle arti, su scala mondiale, divenendone intimo amico. Intellettuale libero e controcorrente, fu l’anima intelligente e colta di Playmen, primo magazine di erotismo patinato nato in Italia cinquant’anni fa sul modello di Playboy, intervistando nomi come Sciascia, Ginsberg, Moravia, Fred Astaire, Vargas Llosa e Ionesco.
Dario Biagi, già biografo di altri grandi "irregolari" della cultura italiana novecentesca, ci restituisce la sua contraddittoria complessità con i miti e gli umori di un’epoca, sulla base di testi editi e inediti e di una fitta serie di testimonianze. Ne emerge il suggestivo e imperdibile ritratto di uno degli intellettuali più interessanti ed eclettici del Novecento.

La vita picaresca dell’eterno fanciullo
che ha fatto la storia del giornalismo
culturale tra anni Sessanta e Settanta


"Proprio la sua creatività, il suo rifiuto ad accettare ideologie,
categorie a priori, compromessi che non equivalgano a sfide,
fanno di Franco Valobra insieme un personaggio e un autore unico."
– Claudio Gorlier –

"Franco Valobra è uno dei personaggi più interessanti,
e intelligenti, del mondo della cultura.
Ed è anche uno dei pochi a possedere una biografia movimentata,
nel senso che non è il solito professorino che un bel giorno si è messo a scrivere.
Le interviste di Valobra su Playmen a grandi personaggi della letteratura,
del cinema, della politica, dello sport sono oggi dei classici.
Molti degli intervistati, tra cui Fred Astaire, Vargas Llosa, Ionesco e Ginsberg,
diventarono buoni amici di Valobra, come Umberto Eco e Leonardo Sciascia."
– Giuseppe Pederiali –

volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 256 Isbn: 978-88-6288-379-5 Pagine: 272 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2017
Autore: Dario Biagi
Nessun sommario presente.
Dario Biagi

Dario Biagi è giornalista e scrittore. A lungo nella redazione Cultura della Rai, ha lavorato per vari periodici.

Ha pubblicato altre sei biografie: Vita scandalosa di Giuseppe Berto (Bollati Boringhieri 1999), L’incantatore. Storia di Gian Carlo Fusco (Avagliano 2005), Il dio di carta. Vita di Erich Linder (Avagliano 2007), Cagnaccio di San Pietro (Gaffi 2013), Il ribelle gentile. La vera storia di Piero Manzoni (Stampa Alternativa 2013) e, con Odoya, nel 2017, Vita semieroica di Franco Valobra.

Ha anche curato una mostra di Cagnaccio di San Pietro nel 2015, a Ca’ Pesaro di Venezia.

Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201 - Scrivi una mail
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy Contatti