Catalogo Biografie Adelina Tattilo
Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 328 Isbn: 978-88-6288-483-9 Pagine: 192 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2018 Autore: Dario Biagi

Adelina Tattilo

Una favola sexy

Dario Biagi

sconto 5%
17,10€ 18,00€

La storia dell’italiana che osò sfidare Hugh Hefner, ovvero il colosso Playboy, sul suo terreno: Adelina Tattilo, l’imprenditrice che con Playmen inventò la via italiana all’erotismo patinato. Inaugurato alla vigilia del Sessantotto, il mensile della Tattilo impose un nuovo canone di sex appeal femminile assieme a uno spessore di contenuti degno d’una vera rivista culturale. I maggiori scrittori, giornalisti, illustratori e artisti italiani e mondiali collaborarono per trent’anni alle sue pagine.
Già nei primi anni Settanta, quando le imprenditrici italiane famose all’estero si contavano sulle dita d’una mano, Adelina veniva intervistata da Time e menzionata dall’Onu tra le donne più importanti del Pianeta.
Il successo della sua creatura derivava anche da alcuni sensazionali scoop: primo fra tutti, il celeberrimo servizio su Jacqueline Kennedy nuda sulle spiagge di Skorpios.
Su quella pietra la Tattilo edificò un impero editoriale che spaziava da periodici femminili che s’inserivano nel dibattito femminista (come Stress e Libera) a testate rosa e divulgative. Un percorso cui s’aggiunsero una divagazione cinematografica, in veste di produttrice, e due ambiziose collane di libri.
L’altro grande successo si registrò sul piano sociale con la conquista d’un ruolo preminente nella mondanità romana. Il suo attico fu per molti anni uno dei salotti più ambìti e selettivi dell’alta società capitolina.

"Smart and gorgeous."
– Henry Kissinger –

"Adelina riporta la bellezza sulla terra."
– Leslie Childe, The Sun

"Togliendoli alle ragazze più belle dell’epoca, cambiò i costumi degli italiani.
Tagliando centimetri di stoffa a dive e starlette, confezionò i sogni proibiti
più belli che l’uomo italiano potesse sognare. Spingendo sempre più avanti, con una delicata pacca sul culo, quello che allora si chiamava «il comune senso del pudore».
A costo di qualche sequestro, Playmen ruppe parecchi tabù, ma fece anche molta informazione sul sesso: bellezze in fiore si alternavano a fior di articoli su liberazione sessuale, rapporti di coppia, divorzio, aborto. A suo modo, una battaglia civile."
– Luigi Mascheroni –


La vita battagliera di Adelina Tattilo,
da pioniera dell’erotismo elegante
a regina dei salotti romani

Dario Biagi

Dario Biagi è giornalista e scrittore. A lungo nella redazione Cultura della Rai, ha lavorato per vari periodici.

Ha pubblicato altre sei biografie: Vita scandalosa di Giuseppe Berto (Bollati Boringhieri 1999), L’incantatore. Storia di Gian Carlo Fusco (Avagliano 2005), Il dio di carta. Vita di Erich Linder (Avagliano 2007), Cagnaccio di San Pietro (Gaffi 2013), Il ribelle gentile. La vera storia di Piero Manzoni (Stampa Alternativa 2013) e, con Odoya, nel 2017, Vita semieroica di Franco Valobra.

Ha anche curato una mostra di Cagnaccio di San Pietro nel 2015, a Ca’ Pesaro di Venezia.

Nessun sommario presente.
Altri libri di Dario Biagi

Vita semieroica di Franco Valobra

La storia dell’italiana che osò sfidare Hugh Hefner, ovvero il colosso Playboy, sul suo terreno: Adelina Tattilo, l’imprenditrice che con Playmen inventò la via italiana all’erotismo patinato. Inaugurato alla vigilia del Sessantotto, il mensile della Tattilo impose un nuovo canone di sex appeal femminile assieme a uno spessore di contenuti degno d’una vera rivista culturale. I maggiori scrittori, giornalisti, illustratori e artisti italiani e mondiali collaborarono per trent’anni alle sue pagine.
Già nei primi anni Settanta, quando le imprenditrici italiane famose all’estero si contavano sulle dita d’una mano, Adelina veniva intervistata da Time e menzionata dall’Onu tra le donne più importanti del Pianeta.
Il successo della sua creatura derivava anche da alcuni sensazionali scoop: primo fra tutti, il celeberrimo servizio su Jacqueline Kennedy nuda sulle spiagge di Skorpios.
Su quella pietra la Tattilo edificò un impero editoriale che spaziava da periodici femminili che s’inserivano nel dibattito femminista (come Stress e Libera) a testate rosa e divulgative. Un percorso cui s’aggiunsero una divagazione cinematografica, in veste di produttrice, e due ambiziose collane di libri.
L’altro grande successo si registrò sul piano sociale con la conquista d’un ruolo preminente nella mondanità romana. Il suo attico fu per molti anni uno dei salotti più ambìti e selettivi dell’alta società capitolina.

"Smart and gorgeous."
– Henry Kissinger –

"Adelina riporta la bellezza sulla terra."
– Leslie Childe, The Sun

"Togliendoli alle ragazze più belle dell’epoca, cambiò i costumi degli italiani.
Tagliando centimetri di stoffa a dive e starlette, confezionò i sogni proibiti
più belli che l’uomo italiano potesse sognare. Spingendo sempre più avanti, con una delicata pacca sul culo, quello che allora si chiamava «il comune senso del pudore».
A costo di qualche sequestro, Playmen ruppe parecchi tabù, ma fece anche molta informazione sul sesso: bellezze in fiore si alternavano a fior di articoli su liberazione sessuale, rapporti di coppia, divorzio, aborto. A suo modo, una battaglia civile."
– Luigi Mascheroni –


La vita battagliera di Adelina Tattilo,
da pioniera dell’erotismo elegante
a regina dei salotti romani

Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 328 Isbn: 978-88-6288-483-9 Pagine: 192 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2018 Autore: Dario Biagi
Dario Biagi

Dario Biagi è giornalista e scrittore. A lungo nella redazione Cultura della Rai, ha lavorato per vari periodici.

Ha pubblicato altre sei biografie: Vita scandalosa di Giuseppe Berto (Bollati Boringhieri 1999), L’incantatore. Storia di Gian Carlo Fusco (Avagliano 2005), Il dio di carta. Vita di Erich Linder (Avagliano 2007), Cagnaccio di San Pietro (Gaffi 2013), Il ribelle gentile. La vera storia di Piero Manzoni (Stampa Alternativa 2013) e, con Odoya, nel 2017, Vita semieroica di Franco Valobra.

Ha anche curato una mostra di Cagnaccio di San Pietro nel 2015, a Ca’ Pesaro di Venezia.

Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy