volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 108 Isbn: 978-88-6288-174-6 Pagine: 432 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2013
Autore: Antonio Leggiero

Apocalisse nella steppa

Storia militare degli italiani in Russia 1941-1943

Antonio Leggiero

Apocalisse nella steppa

Storia militare degli italiani in Russia 1941-1943

Antonio Leggiero

sconto 5%
23,75€ 25,00€
Un libro che ripercorre e racconta, con la forza documentaristica delle testimonianze dirette oltre che d’archivio, la tragica epopea dei soldati italiani in terra di Russia: storia, vicissitudini, angosce di uomini e di eroi, con le loro vicende personali, i loro tormenti, le loro tribolazioni, il loro dolore.
Il CSIR (Corpo di spedizione italiano in Russia) e l’ARMIR (8a armata italiana in Russia) furono le grandi unità del Regio Esercito impegnate sul fronte orientale al fianco della Germania tra il luglio del 1941 e il febbraio del 1943. Giovani, ragazzi e padri di famiglia lasciarono i loro affetti e la loro terra per partire alla volta di un’avventura tramutatasi in tragedia: le dimensioni dei combattimenti, l’entità delle perdite e la profondità delle distruzioni ne fanno il più vasto, drammatico e sanguinoso teatro di guerra della storia.
I più non fecero ritorno a casa, rimanendo per sempre in quella maledetta steppa bianca, ai lati delle piste, sfiniti da fame, freddo e stenti, abbattuti dalle pallottole, schiacciati dai cingolati dell’Armata Rossa. Gran parte di questi martiri, scampati al massacro in combattimento, patirono le pene dell’inferno nelle estenuanti marce di trasferimento verso i campi di concentramento e di sterminio della Russia asiatica e della Siberia. Pochissimi furono i rimpatriati.
Dopo aver percorso le principali tappe di quest’allucinante epopea (L’Avanzata, La Ritirata, La Prigionia), Antonio Leggiero chiude la sua narrazione con una serie di bilanci e conclusioni inedite e illuminanti. In Appendice, un dettagliato elenco delle Medaglie d’oro al valore militare.


"Nessuno, che non abbia vissuto quei giorni, può farsi una sia pur pallida idea dello strazio
che era nel cuore di ogni alpino quando, dopo la battaglia o lungo la via faticata
della steppa inospitale, si sentiva chiamare per nome dall’amico ferito, congelato o sfinito,
con l’invocazione di un soccorso che nessuno poteva dare, poiché tutti si era privi di ogni e
qualsiasi materiale di medicazione, e perché soprattutto non vi era nemmeno la possibilità, dopo i
primi giorni, di raccogliere i feriti e di caricarli sulle slitte già sovraccariche dei feriti dei giorni precedenti...
Non è possibile raccontare i fatti col consueto vocabolario..."
– Enzo Manusardi, Crepuscolo sul Don
Antonio Leggiero
È un criminologo investigativo e forense operante sull’intero territorio nazionale, direttore e coordinatore di diversi master in Criminologia e, inoltre, docente di Criminologia nell’ambito universitario e in quello della specializzazione.
Ha all’attivo diverse pubblicazioni di genere narrativo, storico e criminologico. Tra le altre, la raccolta di racconti brevi Storie di paese (2005), il saggio storico Per amor di Patria (2007), la monografia L’indagine difensiva nel processo penale italiano (2010) e i volumi di ricerca e ricostruzione storico-criminologica Quattordici assassini senza volto (2011) e Delitto ai quartieri alti. Il giallo irrisolto della strage di via Caravaggio a Napoli (2015).
Con Odoya ha pubblicato il saggio storico-militare Apocalisse nella steppa (2013) sulla tragedia della campagna di Russia del 1941-1943.
Nessun sommario presente.
Altri libri di Antonio Leggiero

Mancò la fortuna non il valore

Un libro che ripercorre e racconta, con la forza documentaristica delle testimonianze dirette oltre che d’archivio, la tragica epopea dei soldati italiani in terra di Russia: storia, vicissitudini, angosce di uomini e di eroi, con le loro vicende personali, i loro tormenti, le loro tribolazioni, il loro dolore.
Il CSIR (Corpo di spedizione italiano in Russia) e l’ARMIR (8a armata italiana in Russia) furono le grandi unità del Regio Esercito impegnate sul fronte orientale al fianco della Germania tra il luglio del 1941 e il febbraio del 1943. Giovani, ragazzi e padri di famiglia lasciarono i loro affetti e la loro terra per partire alla volta di un’avventura tramutatasi in tragedia: le dimensioni dei combattimenti, l’entità delle perdite e la profondità delle distruzioni ne fanno il più vasto, drammatico e sanguinoso teatro di guerra della storia.
I più non fecero ritorno a casa, rimanendo per sempre in quella maledetta steppa bianca, ai lati delle piste, sfiniti da fame, freddo e stenti, abbattuti dalle pallottole, schiacciati dai cingolati dell’Armata Rossa. Gran parte di questi martiri, scampati al massacro in combattimento, patirono le pene dell’inferno nelle estenuanti marce di trasferimento verso i campi di concentramento e di sterminio della Russia asiatica e della Siberia. Pochissimi furono i rimpatriati.
Dopo aver percorso le principali tappe di quest’allucinante epopea (L’Avanzata, La Ritirata, La Prigionia), Antonio Leggiero chiude la sua narrazione con una serie di bilanci e conclusioni inedite e illuminanti. In Appendice, un dettagliato elenco delle Medaglie d’oro al valore militare.


"Nessuno, che non abbia vissuto quei giorni, può farsi una sia pur pallida idea dello strazio
che era nel cuore di ogni alpino quando, dopo la battaglia o lungo la via faticata
della steppa inospitale, si sentiva chiamare per nome dall’amico ferito, congelato o sfinito,
con l’invocazione di un soccorso che nessuno poteva dare, poiché tutti si era privi di ogni e
qualsiasi materiale di medicazione, e perché soprattutto non vi era nemmeno la possibilità, dopo i
primi giorni, di raccogliere i feriti e di caricarli sulle slitte già sovraccariche dei feriti dei giorni precedenti...
Non è possibile raccontare i fatti col consueto vocabolario..."
– Enzo Manusardi, Crepuscolo sul Don
volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 108 Isbn: 978-88-6288-174-6 Pagine: 432 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2013
Autore: Antonio Leggiero
Nessun sommario presente.
Antonio Leggiero
È un criminologo investigativo e forense operante sull’intero territorio nazionale, direttore e coordinatore di diversi master in Criminologia e, inoltre, docente di Criminologia nell’ambito universitario e in quello della specializzazione.
Ha all’attivo diverse pubblicazioni di genere narrativo, storico e criminologico. Tra le altre, la raccolta di racconti brevi Storie di paese (2005), il saggio storico Per amor di Patria (2007), la monografia L’indagine difensiva nel processo penale italiano (2010) e i volumi di ricerca e ricostruzione storico-criminologica Quattordici assassini senza volto (2011) e Delitto ai quartieri alti. Il giallo irrisolto della strage di via Caravaggio a Napoli (2015).
Con Odoya ha pubblicato il saggio storico-militare Apocalisse nella steppa (2013) sulla tragedia della campagna di Russia del 1941-1943.
Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201 - Scrivi una mail
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy Contatti