Catalogo Storia Storia generale Storia delle montagne
Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 118 Isbn: 978-88-6288-188-3 Pagine: 304 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2013 Traduzione: Eleonora Petrarca Autore: Henrik Svensen

Storia delle montagne

La vertigine dell’altitudine

Henrik Svensen

sconto 5%
17,10€ 18,00€
Come nascono le montagne? E cosa hanno significato per l’uomo nel corso della storia? Un racconto erudito, accessibile e piacevolissimo su tutto ciò che si sa o si vorrebbe sapere su un elemento naturale che ha esercitato profondo fascino sull’uomo fin dalla notte dei tempi. Moltissime sono le culture in cui la montagna simboleggia l’elevazione. E in diverse religioni – panteismo greco, buddhismo, induismo – la vetta è considerata sacra in quanto dimora degli dèi e punto di contatto cosmico tra cielo e terra.
Quando, nel 1336, compì l’ascesa al monte Ventoso, Francesco Petrarca scrisse un racconto allegorico che spostò l’attenzione su una natura demonizzata da secoli, facendosi catalizzatore del passaggio da Medio­evo a Rinascimento, nonché primo pioniere dell’alpinismo. Se a presentare la prima teo­ria sulla formazione delle Ande concepita in seguito all’esperienza di un terremoto in Cile fu un giovanissimo Charles Darwin, bisognerà aspettare gli anni Settanta del Novecento perché le conoscenze naturali sulla formazione delle montagne subiscano una vera e propria rivoluzione con l’affermazione scientifica della tettonica a zolle.
In Occidente il prestigio delle montagne sale insieme all’esaltazione romantica per il selvaggio e il sublime. Artisti e scrittori si rivolgono verso le Alpi in cerca di ispirazione e svago nello stesso momento in cui l’alpinismo come sport subisce una svolta epocale grazie alla scalata del monte Bianco nel 1786. Con la morte di Leslie Stephen nel 1904, incarnazione del "montanaro-filosofo", termina l’era dei pionieri e l’alpinismo viene a disgregare a colpi di sfide e conquiste l’aura d’inaccessibilità che aveva sempre avvolto la montagna.


"Le montagne sono il principio e la fine di ogni scenario naturale."
– John Ruskin –

"Le alte montagne sono per me un sentimento."
– Reinhold Messner –

"Castelli in rovina aggrappati ai precipizi di montagne coperte di abeti
formavano uno scenario di singolare bellezza, accresciuta e resa sublime
dalle Alpi possenti, le cui vette bianche e scintillanti torreggiavano sopra ogni cosa,
come se appartenessero a un’altra terra, abitazioni di un’altra razza di esseri."
– Mary Shelley –
Henrik Svensen

Henrik Svensen è Senior Researcher al Physics of Geological Processes Centre dell’Università di Oslo. I suoi studi ruotano principalmente attorno ai processi metamorfici e vulcanici. Per Odoya è uscito anche il suo Storia dei disastri naturali (2010).
Nessun sommario presente.
Altri libri di Henrik Svensen

Storia dei disastri naturali

Come nascono le montagne? E cosa hanno significato per l’uomo nel corso della storia? Un racconto erudito, accessibile e piacevolissimo su tutto ciò che si sa o si vorrebbe sapere su un elemento naturale che ha esercitato profondo fascino sull’uomo fin dalla notte dei tempi. Moltissime sono le culture in cui la montagna simboleggia l’elevazione. E in diverse religioni – panteismo greco, buddhismo, induismo – la vetta è considerata sacra in quanto dimora degli dèi e punto di contatto cosmico tra cielo e terra.
Quando, nel 1336, compì l’ascesa al monte Ventoso, Francesco Petrarca scrisse un racconto allegorico che spostò l’attenzione su una natura demonizzata da secoli, facendosi catalizzatore del passaggio da Medio­evo a Rinascimento, nonché primo pioniere dell’alpinismo. Se a presentare la prima teo­ria sulla formazione delle Ande concepita in seguito all’esperienza di un terremoto in Cile fu un giovanissimo Charles Darwin, bisognerà aspettare gli anni Settanta del Novecento perché le conoscenze naturali sulla formazione delle montagne subiscano una vera e propria rivoluzione con l’affermazione scientifica della tettonica a zolle.
In Occidente il prestigio delle montagne sale insieme all’esaltazione romantica per il selvaggio e il sublime. Artisti e scrittori si rivolgono verso le Alpi in cerca di ispirazione e svago nello stesso momento in cui l’alpinismo come sport subisce una svolta epocale grazie alla scalata del monte Bianco nel 1786. Con la morte di Leslie Stephen nel 1904, incarnazione del "montanaro-filosofo", termina l’era dei pionieri e l’alpinismo viene a disgregare a colpi di sfide e conquiste l’aura d’inaccessibilità che aveva sempre avvolto la montagna.


"Le montagne sono il principio e la fine di ogni scenario naturale."
– John Ruskin –

"Le alte montagne sono per me un sentimento."
– Reinhold Messner –

"Castelli in rovina aggrappati ai precipizi di montagne coperte di abeti
formavano uno scenario di singolare bellezza, accresciuta e resa sublime
dalle Alpi possenti, le cui vette bianche e scintillanti torreggiavano sopra ogni cosa,
come se appartenessero a un’altra terra, abitazioni di un’altra razza di esseri."
– Mary Shelley –
Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 118 Isbn: 978-88-6288-188-3 Pagine: 304 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2013 Traduzione: Eleonora Petrarca Autore: Henrik Svensen
Henrik Svensen

Henrik Svensen è Senior Researcher al Physics of Geological Processes Centre dell’Università di Oslo. I suoi studi ruotano principalmente attorno ai processi metamorfici e vulcanici. Per Odoya è uscito anche il suo Storia dei disastri naturali (2010).
Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy