Catalogo Musica Paolo Conte
volume illustrato Collana: OMu - Odoya Musica Numero di collana: 45 Isbn: 978-88-6288-692-5 Pagine: 240 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 27/08/2021 Autore: Massimo Padalino

Paolo Conte

Storia del poeta che dipinse la musica

Massimo Padalino

sconto 5%
15,20€ 16,00€
Un’accurata analisi della poetica e dell’immaginario del più celebre cantautore italiano, un’immersione nella sua musica tra jazz e swing, un’attenta ricostruzione dell’intreccio tra biografia personale ed evoluzione lirica. Un viaggio nei riferimenti letterari e artistici di Paolo Conte.
Quanti Paolo Conte esistono dentro Paolo Conte?
Risposta: ne esistono uno, nessuno e centomila.
Sì, perché il distinto avvocato e pittore di Asti, l’uomo che ama il jazz di Art Tatum ed Earl Hines sopra ogni cosa, l’uomo che ha composto brani epocali come "Azzurro", "Messico e nuvole", "Onda su onda" e "Bartali", l’uomo che fa musica per immagini quasi fosse cinema e fa cinema in suoni e parole quasi fosse facile, l’uomo che, dal 1974 a oggi, ha inventato versi surreali e al contempo iperrealistici tipo «ma come piove bene sugl’impermeabili», «beviti ’sto cielo azzurro e alto che sembra di smalto», o ancora «ti offro una doccia ai bagni diurni che sono degli abissi di tiepidità», l’uomo che rifugge l’attualità e rimugina quel che fu già, quell’uomo è un abisso di poesia, intelligenza, charme e humour.
E tale è destinato a rimanere: insuperato, insuperabile.


"Intanto io rifletto, chi lo sa, forse la vita è tutta qua. |
Abbiamo un bel cercare nelle strade e nei cortili, | cosa c’è, cosa c’è? |
C’è un mondo che si chiude se non ha un pugno di felicità; |
io sono sempre triste, ma mi piace di sorprendermi felice | insieme a te."
– Paolo Conte

"Nelle enciclopedie della musica del futuro (se ce ne saranno),
vorrei essere ricordato come ‘il miglior suonatore di kazoo del mondo’".
– Paolo Conte

"Ma non si può capire tutto. E, forse, non si deve.
Di solito si ha paura di essere incompresi, io ho paura di essere compreso".
– Paolo Conte

"Senza quasi guardare il suo pubblico se non con qualche occhiata schiva, il Maestro arriva,
si siede al piano e si concede tra smorfie e pianoforte lasciando che sia la musica a parlare per lui.
Anche se non avrebbe certo difficoltà a dialogare con la gente. Ma ha sempre preferito le note e il silenzio.
Qualche intervista, chiacchiere dosate, posate. Alla fine del live, un cenno. E arrivederci".
– Simona Voglino Levy, Rolling Stone
Massimo Padalino
ha collaborato con magazine musicali e quotidiani come Blow Up, Rockerilla, Il Mucchio Extra e il Manifesto; è stato redattore della webzine Movimenta e del digital magazine SentireAscoltare. Ha partecipato al volume collettivo Rock e altre contaminazioni: 600 album fondamentali (Tuttle Edizioni, 2008); ha pubblicato due volumi con i testi commentati dei Beatles e una fortunata biografia su Vinicio Capossela. Per Giunti ha pubblicato Storie di ordinaria follia rock (2019). Per Meridiano Zero ha pubblicato il saggio Space Is the Place. Storie di spazio, storie di spazi (2016) e il romanzo Il gioco (2016).
Per Odoya ha già pubblicato Nick Cave. Bad Seed, la ballata di Re Inkiostro (2020) e Outsider. Personaggi che hanno cambiato l’arte, la scrittura, la musica e il pensiero (2021). Vive a Torviscosa (UD).
Capitolo 1
Il Conte vs il Molleggiato
Paolo Conte, 1974

Capitolo 2
Messico, nuvole e navigli
Paolo Conte, 1975

Capitolo 3
Un (gelato al) limon è un (gelato al) limon
Un gelato al limon, 1979

Capitolo 4
Milonga e buoi dei paesi tuoi
Paris Milonga, 1981

Capitolo 5
Lieve come il leopardo
Appunti di viaggio, 1982

Capitolo 6
Come piove bene su(gl)i (im)permeabili
Album: Paolo Conte, 1984

Capitolo 7

Chi aguaplano va sano e va lontano
Aguaplano, 1987

Capitolo 8
Suono nel vuoto, soffio nel fuoco
Parole d’amore scritte a macchina, 1990

Capitolo 9
Quei bei giardini là li rivedremo qua…
900, 1992

Capitolo 10
Una faccia in prestito?
Una faccia in prestito, 1995

Capitolo 11
La casa cinese e Sandwich Man
Elegia, 2004

Capitolo 12
Il quadrato e il cerchio
Psiche, 2008
Nelson, 2010

Capitolo 13
S(n)ob!
Snob, 2014
Amazing Game, 2016

Capitolo 14
Parigi val bene un vaudeville
Razmataz
, 2000

Posture live
Piccola riflessione su Paolo Conte in concerto

Discografia
Altri libri di Massimo Padalino

Grunge is dead, Outsider, Nick Cave

Un’accurata analisi della poetica e dell’immaginario del più celebre cantautore italiano, un’immersione nella sua musica tra jazz e swing, un’attenta ricostruzione dell’intreccio tra biografia personale ed evoluzione lirica. Un viaggio nei riferimenti letterari e artistici di Paolo Conte.
Quanti Paolo Conte esistono dentro Paolo Conte?
Risposta: ne esistono uno, nessuno e centomila.
Sì, perché il distinto avvocato e pittore di Asti, l’uomo che ama il jazz di Art Tatum ed Earl Hines sopra ogni cosa, l’uomo che ha composto brani epocali come "Azzurro", "Messico e nuvole", "Onda su onda" e "Bartali", l’uomo che fa musica per immagini quasi fosse cinema e fa cinema in suoni e parole quasi fosse facile, l’uomo che, dal 1974 a oggi, ha inventato versi surreali e al contempo iperrealistici tipo «ma come piove bene sugl’impermeabili», «beviti ’sto cielo azzurro e alto che sembra di smalto», o ancora «ti offro una doccia ai bagni diurni che sono degli abissi di tiepidità», l’uomo che rifugge l’attualità e rimugina quel che fu già, quell’uomo è un abisso di poesia, intelligenza, charme e humour.
E tale è destinato a rimanere: insuperato, insuperabile.


"Intanto io rifletto, chi lo sa, forse la vita è tutta qua. |
Abbiamo un bel cercare nelle strade e nei cortili, | cosa c’è, cosa c’è? |
C’è un mondo che si chiude se non ha un pugno di felicità; |
io sono sempre triste, ma mi piace di sorprendermi felice | insieme a te."
– Paolo Conte

"Nelle enciclopedie della musica del futuro (se ce ne saranno),
vorrei essere ricordato come ‘il miglior suonatore di kazoo del mondo’".
– Paolo Conte

"Ma non si può capire tutto. E, forse, non si deve.
Di solito si ha paura di essere incompresi, io ho paura di essere compreso".
– Paolo Conte

"Senza quasi guardare il suo pubblico se non con qualche occhiata schiva, il Maestro arriva,
si siede al piano e si concede tra smorfie e pianoforte lasciando che sia la musica a parlare per lui.
Anche se non avrebbe certo difficoltà a dialogare con la gente. Ma ha sempre preferito le note e il silenzio.
Qualche intervista, chiacchiere dosate, posate. Alla fine del live, un cenno. E arrivederci".
– Simona Voglino Levy, Rolling Stone
volume illustrato Collana: OMu - Odoya Musica Numero di collana: 45 Isbn: 978-88-6288-692-5 Pagine: 240 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 27/08/2021 Autore: Massimo Padalino
Massimo Padalino
ha collaborato con magazine musicali e quotidiani come Blow Up, Rockerilla, Il Mucchio Extra e il Manifesto; è stato redattore della webzine Movimenta e del digital magazine SentireAscoltare. Ha partecipato al volume collettivo Rock e altre contaminazioni: 600 album fondamentali (Tuttle Edizioni, 2008); ha pubblicato due volumi con i testi commentati dei Beatles e una fortunata biografia su Vinicio Capossela. Per Giunti ha pubblicato Storie di ordinaria follia rock (2019). Per Meridiano Zero ha pubblicato il saggio Space Is the Place. Storie di spazio, storie di spazi (2016) e il romanzo Il gioco (2016).
Per Odoya ha già pubblicato Nick Cave. Bad Seed, la ballata di Re Inkiostro (2020) e Outsider. Personaggi che hanno cambiato l’arte, la scrittura, la musica e il pensiero (2021). Vive a Torviscosa (UD).
Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy