Catalogo Viaggi Rio de Janeiro
volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 183 Isbn: 978-88-6288-283-5 Pagine: 288 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2015 Autore: Bruno Barba

Rio de Janeiro

Ritratto di una città

Bruno Barba

sconto 5%
17,10€ 18,00€

Rio de Janeiro è una città che inquieta, coinvolge e appassiona. A cominciare dagli incomparabili panorami godibili dal monte Corcovado, sormontato dal Cristo Redentore e dall’altura del Pão de Açúcar. La cidade maravilhosa è e rimane, nell’immaginario collettivo, la "capitale" del Brasile, l’ideatrice della cultura e delle mode tropicali, e anche una miniera di stereotipi: dalle mulatte da favola ai malandros delle favelas, dalla passione che "brucia" il Carnevale più conosciuto al mondo al futebol, che al mitico Maracanã pare la cosa più importante al mondo.
Città ricca di storia, tra i protagonisti francesi, portoghesi, indios e schiavi africani. Città coloniale e moderna, dove natura e architettura si fondono. Luogo di suggestioni infinite, di bairros bohémiens e di favelas pericolose ma anche feconde e creatrici. Di spiagge affascinanti – da Ipanema a Copacabana – dove, oltre che riposarsi, si "vive" e si lavora, ci si mostra e ci si identifica. Rio si caratterizza soprattutto per quel gusto naturale all’incontro, quella facilità di relazione che contraddistingue lo stile di vita carioca.
Rio, infine, è una città di personaggi indimenticabili: uomini e donne nati in città o che la città hanno saputo conquistare e caratterizzare in campo culturale o architettonico, sportivo o politico: da Garrincha a Vinícius, da Niemeyer a Getúlio. Oltre ai protagonisti di un’originalissima contaminazione musicale che ha saputo fondere il samba con la bossa nova: da Caetano Veloso a Gilberto Gil, da Tom Jobim a Carmen Miranda. Una città capace di evocare la propria ricca storia di ininterrotto incontro di popoli, stili di vita e musica, che si appresta oggi a vivere anni di frenetica modernizzazione.

Questo è un paese dove ci sono maggiori possibilità
di creare un mondo interamente nuovo.
Il Caos non ci manca.
– Millor Fernandes, Millôr Definitivo. A Bíblia do Caos


Per emozionare una città deve avere in sé tensioni forti e contrastanti.
Una città che è solo moderna è monotona, una città arretrata
diventa scomoda con il passare del tempo.
Una città proletaria porta tristezza, e un luogo di lusso dopo un po’ provoca noia e malumore.
Quanti più strati una città possiede e in quante più matite di colori differenti
si graduino i suoi contrasti, più attraente sarà: così è Rio de Janeiro.
– Stefan Zweig –

Bruno Barba
È ricercatore di Antropologia del Dipartimento di Scienze Politiche – Scuola di Scienze Sociali – dell’Università di Genova. Studia da più di vent’anni il meticciato culturale e il sincretismo religioso del Brasile. L’altra sua area di ricerca è il calcio e i suoi significati antropologici. Tra le sue pubblicazioni: Bahia, la Roma negra di Jorge Amado (Unicopli, 2004), La voce degli dei. Il Brasile, il Candomblé e la sua magia (CISU, 2010); Dio Negro, mondo meticcio (Seid, 2013); Meticcio (Effequ, 2015), Calciologia. Per un’antropologia del football (Mimesis, 2016).
Per Odoya ha già pubblicato: Rio de Janeiro (2015) e San Paolo (2017).

Nessun sommario presente.
Altri libri di Bruno Barba

San Paolo, Santi, demoni e Orixás

Rio de Janeiro è una città che inquieta, coinvolge e appassiona. A cominciare dagli incomparabili panorami godibili dal monte Corcovado, sormontato dal Cristo Redentore e dall’altura del Pão de Açúcar. La cidade maravilhosa è e rimane, nell’immaginario collettivo, la "capitale" del Brasile, l’ideatrice della cultura e delle mode tropicali, e anche una miniera di stereotipi: dalle mulatte da favola ai malandros delle favelas, dalla passione che "brucia" il Carnevale più conosciuto al mondo al futebol, che al mitico Maracanã pare la cosa più importante al mondo.
Città ricca di storia, tra i protagonisti francesi, portoghesi, indios e schiavi africani. Città coloniale e moderna, dove natura e architettura si fondono. Luogo di suggestioni infinite, di bairros bohémiens e di favelas pericolose ma anche feconde e creatrici. Di spiagge affascinanti – da Ipanema a Copacabana – dove, oltre che riposarsi, si "vive" e si lavora, ci si mostra e ci si identifica. Rio si caratterizza soprattutto per quel gusto naturale all’incontro, quella facilità di relazione che contraddistingue lo stile di vita carioca.
Rio, infine, è una città di personaggi indimenticabili: uomini e donne nati in città o che la città hanno saputo conquistare e caratterizzare in campo culturale o architettonico, sportivo o politico: da Garrincha a Vinícius, da Niemeyer a Getúlio. Oltre ai protagonisti di un’originalissima contaminazione musicale che ha saputo fondere il samba con la bossa nova: da Caetano Veloso a Gilberto Gil, da Tom Jobim a Carmen Miranda. Una città capace di evocare la propria ricca storia di ininterrotto incontro di popoli, stili di vita e musica, che si appresta oggi a vivere anni di frenetica modernizzazione.

Questo è un paese dove ci sono maggiori possibilità
di creare un mondo interamente nuovo.
Il Caos non ci manca.
– Millor Fernandes, Millôr Definitivo. A Bíblia do Caos


Per emozionare una città deve avere in sé tensioni forti e contrastanti.
Una città che è solo moderna è monotona, una città arretrata
diventa scomoda con il passare del tempo.
Una città proletaria porta tristezza, e un luogo di lusso dopo un po’ provoca noia e malumore.
Quanti più strati una città possiede e in quante più matite di colori differenti
si graduino i suoi contrasti, più attraente sarà: così è Rio de Janeiro.
– Stefan Zweig –

volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 183 Isbn: 978-88-6288-283-5 Pagine: 288 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2015 Autore: Bruno Barba
Bruno Barba
È ricercatore di Antropologia del Dipartimento di Scienze Politiche – Scuola di Scienze Sociali – dell’Università di Genova. Studia da più di vent’anni il meticciato culturale e il sincretismo religioso del Brasile. L’altra sua area di ricerca è il calcio e i suoi significati antropologici. Tra le sue pubblicazioni: Bahia, la Roma negra di Jorge Amado (Unicopli, 2004), La voce degli dei. Il Brasile, il Candomblé e la sua magia (CISU, 2010); Dio Negro, mondo meticcio (Seid, 2013); Meticcio (Effequ, 2015), Calciologia. Per un’antropologia del football (Mimesis, 2016).
Per Odoya ha già pubblicato: Rio de Janeiro (2015) e San Paolo (2017).

Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy