L'invenzione della Frontiera

L'invenzione della Frontiera

Storia dei confini materiali, politici, simbolici

22,00 €  18,70 €
15% sconto

Autore: Federico Simonti
VOLUME ILLUSTRATO

Viaggio e frontiera si toccano, si sovrappongono, divengono parte l’uno dell’altra. Quale immagine potrebbe descrivere meglio l’assemblaggio dello sconfinato materiale relativo alla frontiera che viene proposto in questo libro? L’ambizione è quella di dar vita a una grande cornice, metafora di una delimitazione, capace di conferire una qualche unità narrativa a storie eterogenee.
Interno ed esterno, vita e sogno, opera d’arte e muro bianco, conosciuto e sconosciuto: è sempre il momento della soglia a rappresentare l’unione dell’opposto. Così come la frontiera rappresenta la figura dell’equilibrio, un contorno sfuggente e mobile, ma pur sempre in grado di bilanciare spinte di separazione ed energie di legame.
Federico Simonti indaga temi distanti legati da un filo conduttore comune: il tema della frontiera affrontato in modo interdisciplinare e globale. Si alternano quindi racconti immaginifici: gli artisti e la frontiera (Bruce Chatwin, Nicolas Bouvier, Walter Benjamin...); la frontiera del Far West, la Patagonia, i gauchos; ebrei e muri; l’impero ottomano e i suoi confini; le terre di mezzo: Mosca e La Mecca... e molto altro. Vicende di confine in cui si incontrano storia, letteratura, architettura, filosofia e antropologia.
Le terre di confine raccontano la loro storia e il nostro presente. Scopriamo così, insieme a Zygmunt Bauman, che “Le frontiere, materiali o mentali, di calce e mattoni o simboliche, sono a volte dei campi di battaglia, ma sono anche dei workshop creativi dell’arte di vivere insieme, dei terreni in cui vengono gettati e germogliano (consapevolmente o meno) i semi di forme future di umanità”.

“Io penso che le frontiere vadano superate,
ma anche mantenute assieme alla propria identità.
Un modo corretto di viverle è sentirsi anche dall’altra parte.”
– Claudio Magris –


“La frontiera è responsabile della politica, della morale, dell’economia.
La tv, la letteratura, l’arte, l’economia, i reality che confondono
vita e finzione: tutto oggi è globale, senza confini.”
– Abraham B. Yehoshua –



Autore
Federico Simonti, livornese dal 1971 e ora residente a Parigi, lavora in mezzo ai libri come fotografo, editor, traduttore, autore. Per Odoya ha tradotto, tra gli altri, Parigi. L’invenzione di una città (2011) di Eric Hazan e Tokyo. Ritratto di città (2013) di Manuel Tardits. Ha scritto questo libro per celebrare la frontiera in cui si è imbattuto nei suoi viaggi e nelle sue letture. Vuole dedicare questo lyric essay a tutti coloro che, come lui, hanno avuto la forza di attraversare le mille frontiere che la vita ha messo loro davanti. A chi gli chiede perché viaggia così tanto, risponde con le parole di Cees Nooteboom: «Vedere cose che non capisci, scritte che non sei in grado di leggere, una lingua incomprensibile, una natura che ti respinge, modi di vita che non potresti condividere; ora tutto questo, sembrerà strano, lo vedo come una benedizione».


Da inserire:

    ISBN: 978-88-6288-263-7
    Pagine: 352 
    Brossura con bandelle
    Formato: 15,5x21 cm
    Data di pubblicazione: Gennaio 2015
    Editore: Odoya
    Tutti i libri dell' autore: Federico Simonti

Data di inserimento in catalogo: 21.01.2015.

Odoya srl. Via Carlo Marx 21, 06012 Città di Castello (PG)
Tel +39.0753758159 / Fax +39.0758511753 - info@odoya.it - P. iva 02774391201
Copyright © 2019 Odoya. Powered by Zen Cart - Designed by InArteWeb
Parse Time: 0.220 - Number of Queries: 324 - Query Time: 0.076364149230958