Catalogo Arti Cinema Almanacco dell'Italia occulta
Novità
volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 452 Isbn: 978-88-6288-723-6 Pagine: 336 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 15/01/2022 Testi: Tony Binarelli, Maso Bisi, Davide Bosco, Tommaso Braccini, Moreno Burattini, Fabio Camilletti, Ivan Cenzi, Luigi Cozzi, Antonello Cresti, Stefano Curreli, Bruna Dal Lago, Paolo Di Orazio, Fabrizio Foni, Irene Incarico, Howard David Ingham, Stefano Marzorati, Claudia Padalino, Felice Pozzo, Alessandro Scarsella, Francesco Scimemi, Massimo Soumaré, Antonio Tentori, Eduardo Vitolo Autore: Fabio Camilletti, Fabrizio Foni
Novità

Almanacco dell'Italia occulta

Orrore popolare e inquietudini metropolitane

Fabio Camilletti, Fabrizio Foni

sconto 5%
22,80€ 24,00€
L’orrore popolare che era radicato nella civiltà rurale (credenze, fole, magie, superstizioni) si è inurbato a seguito dei fenomeni di migrazione interna al Paese e, anziché inaridirsi, si è innestato sul tessuto cittadino, assorbendo linfa dalle inquietudini e dai conflitti della vita metropolitana.

La cronaca, la televisione, il cinema, la narrativa, il fumetto sono stati permeati da paure perlopiù sentite come attuali, la cui origine folclorica però, a grattare la superficie, si perde nella notte dei tempi. L’ombra degli Antichi, siano essi gli Etruschi o i nostri nonni, ci ha sempre seguìto, scivolando tra le rotative della stampa, scrutandoci dal ciglio dell’autostrada, studiandoci dal luminescente schermo del televisore, manifestandosi tra le note di alcune canzoni.

In questo libro l’Italia che ci è familiare mostra il suo volto occulto, notturno, fantastico, attraverso le voci di oltre venti autori che hanno scelto (e non di rado mescolato) la testimonianza, il saggio, il racconto vero e proprio. Facendoci scoprire che, in fondo, questo lato insolito della nostra cultura è familiare anche a noi, più di quanto pensiamo. Da sempre.

Almanacco dell’Italia occulta invita i lettori a un variegato viaggio tra case infestate, indagini misteriose, culti innominabili, cronache bizzarre, evocazioni medianiche, fatti inspiegabili, treni fantasma e castelli incantati dei baracconi, suoni e canti che scatenano danze macabre, inneggiano al Maligno e attestano contatti con dimensioni ultraterrene.


“La tavola veniva sgombrata, tutti si sceglievano una sedia e mia zia Laura tirava fuori da non so dove un tabellone con le lettere e un piattino: era il momento della seduta spiritica. Non avendo televisione né altri passatempi, la grande passione di quel periodo era l’evocazione dei defunti, praticata come gioco, senza alcuna titubanza in una famiglia cattolica come la mia, malgrado la tassativa proibizione della Chiesa”.
– Pupi Avati
Fabio Camilletti

si occupa di letteratura gotica e soprannaturale. Ha pubblicato, fra le altre cose, Italia lunare. Gli anni Sessanta e l’occulto (2018) e, con Odoya, Guida alla letteratura gotica (2018) e, insieme a Fabrizio Foni, Almanacco dell’orrore popolare (2021) e Almanacco dell'Italia occulta (2022).

Fabrizio Foni

è senior lecturer del Dipartimento d’Italiano e membro dell’Istituto di Studi Anglo-italiani presso la University of Malta. Si occupa primariamente di cultura popolare, con un occhio di riguardo per il soprannaturale, il gotico e il mostruoso. 
Con Odoya ha curato, insieme a Fabio Camilletti, Almanacco dell’orrore popolare (2021) e Almanacco dell'Italia occulta (2022).

Introduzione
Storie arcane
di Fabrizio Foni

PARTE I
FANTASMI D'OGGI E LEGGENDE NERE DELL'ETÀ MODERNA


Francesco Scimemi
Via Principe di Scalea, 42

Alessandro Scarsella
Nord e magia
Buzzati e altri reporter dell’occulto (Barzini, Pitigrilli, Angela, Bevilacqua)
Il maestro Barzini • Pitigrilli: cosmopolitismo e mistero • Piero Angela: un illuminista mass-mediale • Buzzati: fantasmi veneti

Tommaso Braccini
Culti innominabili
Percorsi popolari di sette diaboliche, rapimenti e sacrifici tra cronaca, leggenda e narrativa
Il “Libro Nero” di Von Junzt • Il sogno di Lovecraft • L’«influenza maligna di una setta segreta» • Morte di un ladro di olive • Le malefatte della “Settima” • I crimini della “Setta Angelica” • La misteriosa “Società del Sette” • Le streghe della Val Camonica e le origini della storia • Orrori contemporanei: i crimini dell’“ambulanza nera”

Ivan Cenzi
SHOCK!
Mezzo secolo di Cronaca Vera
Un orrore concreto • Niente santi in paradiso: la storia di Cronaca Vera • Fantasmi, perversioni e cimici umane: nelle spire del codice • È tutto un magna-magna: politica ed exploitation • Italia metà giardino e metà galera: la parola ai lettori • Sangue, catarsi e riso bruciato

Irene Incarico
Un devil dietro la schiena
Dalle leggende delle Tre Strade alla storia dei tre santerenzini in Brasile

Bruna Dal Lago
La Salwarìa

PARTE II
NEL MEZZO STA L'ORRORE


Tony Binarelli
Alfredo: il Maestro

Antonio Tentori
La paura viene dal profondo
I film gotici di Pupi Avati

Howard David Ingham
Tè, biscotti e satanismo

Felice Pozzo
«Chi l’ha vomitato? L’Inferno!»
Superstizioni, spiritismo, magnetismo e tafofobia in Emilio Salgari

Stefano Curreli
I Racconti di Dracula

Moreno Burattini
Nostra Italia degli Orrori
Breve cronistoria dell’horror nel fumetto italiano da Virus a Dylan Dog
In principio • Jumbo Comics all’italiana • Gli incubi di Bonelli • Il Bunker dell’orrore • Eros e Thanatos • C’era una volta Horror • La formula del chimico • La paura fa Novanta

Luigi Cozzi
Horror: un ricordo

Fabio Camilletti e Paolo Di Orazio
Splatter
La rivista che faceva incazzare i genitori

Stefano Marzorati
Party on, dudes
Le stagioni del Dylan Dog Horror Fest

Massimo Soumaré
Guerrieri leggendari e creature soprannaturali del folclore italiano
(e un confronto con le loro controparti del Sol Levante)

Davide Bosco (già Davide Tarò)
Suta la pàuta la carta campa, suta la pàuta la carta crepa

PARTE III
TRILLI DEL DIAVOLO


Claudia Padalino
Il fantastico viaggio del bagarozzo Goblin
Ovvero come la musica di Profondo rosso (ma anche di altri film) si è infiltrata nel nostro immaginario
La linea di confine tra thriller e horror • Profondamente penetrante • Sospiri dall’estero • Figli dei ragazzi d’argento

Eduardo Vitolo
Paranormal rock
«…e tu vivrai nel terrore!»

Antonello Cresti
Il black metal alla ricerca delle oscure radici

Maso Bisi
Il violino di zio Bruno

Bibliografia
Indice dei nomi e delle opere

INDICE DEI BOX
Leo Talamonti
Bruno Lava e il cimitero di Lanzago
Quando l’Italia scoprì le leggende metropolitane
Su e giù per l’Italia occulta
Massimo Inardi
L’autostoppista fantasma
Il Necronomicon dei poveri
Totentanz e Disco Inferno
Tartini: dal sogno a Dylan Dog
Paganini, il magnetizzatore con l’archetto
Operando misfatti e magie
I dischi del terrore: fiabe gotiche (in)interrotte

Altri libri di Fabrizio Foni

Almanacco dell'orrore popolare

L’orrore popolare che era radicato nella civiltà rurale (credenze, fole, magie, superstizioni) si è inurbato a seguito dei fenomeni di migrazione interna al Paese e, anziché inaridirsi, si è innestato sul tessuto cittadino, assorbendo linfa dalle inquietudini e dai conflitti della vita metropolitana.

La cronaca, la televisione, il cinema, la narrativa, il fumetto sono stati permeati da paure perlopiù sentite come attuali, la cui origine folclorica però, a grattare la superficie, si perde nella notte dei tempi. L’ombra degli Antichi, siano essi gli Etruschi o i nostri nonni, ci ha sempre seguìto, scivolando tra le rotative della stampa, scrutandoci dal ciglio dell’autostrada, studiandoci dal luminescente schermo del televisore, manifestandosi tra le note di alcune canzoni.

In questo libro l’Italia che ci è familiare mostra il suo volto occulto, notturno, fantastico, attraverso le voci di oltre venti autori che hanno scelto (e non di rado mescolato) la testimonianza, il saggio, il racconto vero e proprio. Facendoci scoprire che, in fondo, questo lato insolito della nostra cultura è familiare anche a noi, più di quanto pensiamo. Da sempre.

Almanacco dell’Italia occulta invita i lettori a un variegato viaggio tra case infestate, indagini misteriose, culti innominabili, cronache bizzarre, evocazioni medianiche, fatti inspiegabili, treni fantasma e castelli incantati dei baracconi, suoni e canti che scatenano danze macabre, inneggiano al Maligno e attestano contatti con dimensioni ultraterrene.


“La tavola veniva sgombrata, tutti si sceglievano una sedia e mia zia Laura tirava fuori da non so dove un tabellone con le lettere e un piattino: era il momento della seduta spiritica. Non avendo televisione né altri passatempi, la grande passione di quel periodo era l’evocazione dei defunti, praticata come gioco, senza alcuna titubanza in una famiglia cattolica come la mia, malgrado la tassativa proibizione della Chiesa”.
– Pupi Avati
volume illustrato Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 452 Isbn: 978-88-6288-723-6 Pagine: 336 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 15/01/2022 Testi: Tony Binarelli, Maso Bisi, Davide Bosco, Tommaso Braccini, Moreno Burattini, Fabio Camilletti, Ivan Cenzi, Luigi Cozzi, Antonello Cresti, Stefano Curreli, Bruna Dal Lago, Paolo Di Orazio, Fabrizio Foni, Irene Incarico, Howard David Ingham, Stefano Marzorati, Claudia Padalino, Felice Pozzo, Alessandro Scarsella, Francesco Scimemi, Massimo Soumaré, Antonio Tentori, Eduardo Vitolo Autore: Fabio Camilletti, Fabrizio Foni
Fabio Camilletti

si occupa di letteratura gotica e soprannaturale. Ha pubblicato, fra le altre cose, Italia lunare. Gli anni Sessanta e l’occulto (2018) e, con Odoya, Guida alla letteratura gotica (2018) e, insieme a Fabrizio Foni, Almanacco dell’orrore popolare (2021) e Almanacco dell'Italia occulta (2022).

Fabrizio Foni

è senior lecturer del Dipartimento d’Italiano e membro dell’Istituto di Studi Anglo-italiani presso la University of Malta. Si occupa primariamente di cultura popolare, con un occhio di riguardo per il soprannaturale, il gotico e il mostruoso. 
Con Odoya ha curato, insieme a Fabio Camilletti, Almanacco dell’orrore popolare (2021) e Almanacco dell'Italia occulta (2022).

Fabio Camilletti

si occupa di letteratura gotica e soprannaturale. Ha pubblicato, fra le altre cose, Italia lunare. Gli anni Sessanta e l’occulto (2018) e, con Odoya, Guida alla letteratura gotica (2018) e, insieme a Fabrizio Foni, Almanacco dell’orrore popolare (2021) e Almanacco dell'Italia occulta (2022).

Fabrizio Foni

è senior lecturer del Dipartimento d’Italiano e membro dell’Istituto di Studi Anglo-italiani presso la University of Malta. Si occupa primariamente di cultura popolare, con un occhio di riguardo per il soprannaturale, il gotico e il mostruoso. 
Con Odoya ha curato, insieme a Fabio Camilletti, Almanacco dell’orrore popolare (2021) e Almanacco dell'Italia occulta (2022).

Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy