Catalogo Storia Storia contemporanea La Marina tedesca 1939-1945
Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 116 Isbn: 978-88-6288-191-3 Pagine: 600 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2013
Autore: Giuliano Da Frè Prefazione: Gianni Vignati

La Marina tedesca 1939-1945

Azioni belliche e scelte operative

Giuliano Da Frè

La Marina tedesca 1939-1945

Azioni belliche e scelte operative

Giuliano Da Frè

sconto 5%
26,60€ 28,00€
Quando il 3 settembre 1939 Gran Bretagna e Francia dichiararono guerra alla Germania, la Marina tedesca era assolutamente impreparata a sfidare le flotte delle due potenze alleate che, pur dovendo presidiare anche il Mediterraneo e le colonie asiatiche minacciate da Italia e Giappone, schieravano 22 navi da battaglia, 7 portaerei, 83 incrociatori, 255 cacciatorpediniere e 135 sommergibili.
La distruzione della Kriegsmarine fu evitata grazie alla caduta della Francia – che mise a disposizione tedesca le basi da cui porre sotto assedio le isole britanniche – e all’audace applicazione di una "strategia della dispersione" volta a valorizzare l’impiego combinato di mezzi di superficie, subacquei e aerei, elaborando nuove tattiche operative (come il "branco di lupi" per gli U-Boot) o aggiornando al XX secolo antichi metodi di guerra, dalle navi corsare ai campi minati.
Gli ammiragli tedeschi furono costretti ad architettare operazioni poco ortodosse, intercettando le linee di traffico mercantile avversario con un pugno di U-Boot e speciali "corazzate tascabili", impiegando armi come le mine magnetiche e lanciando rischiose operazioni contro paesi neutrali ma strategici in vista del confronto con Londra e Parigi. I risultati furono ambivalenti, con alcuni spettacolari successi pagati però a caro prezzo.
Strategie favorite dall’entrata in guerra di Italia e Giappone e dalla caduta della Francia, che lasciò la Royal Navy britannica sola di fronte a un avversario improvvisamente rafforzato, mentre l’intervento degli Stati Uniti tardava a far sentire i propri effetti. Nella primavera del 1943 la flotta tedesca fu a un passo dal vincere la battaglia dell’Atlantico.


"Non prendete alla leggera questa guerra.
Sarà lunga, potrà durare anche sette anni,
e potremo dirci fortunati se finirà con un compromesso".
– Ammiraglio Karl Dönitz, 4 settembre 1939 –

"Se dovesse venire il giorno nel quale lor signori si trovassero
a bordo di una grande nave combattendo contro forze di superiorità schiacciante,
spero che si comportino, manovrino e combattano tanto valorosamente
come lo hanno fatto oggi il comandante e l’equipaggio della Scharnhorst".
– Ammiraglio Bruce Fraser, comandante la Home Fleet inglese,
dopo l’affondamento della corazzata tedesca Scharnhorst, 26 dicembre 1943 –
Giuliano Da Frè

Giornalista e scrittore, collabora con varie testate specializzate nel settore militare tra cui Rivista Italiana Difesa, Focus Storia e Rivista Marittima ed è autore di circa 400 articoli dedicati soprattutto alla storia militare.
 Con Odoya ha pubblicato La Marina tedesca 1939-1945 (2013), Storia delle Battaglie sul mare (2014), Almanacco navale della Seconda guerra mondiale 1939-1945 (2019) e Almanacco navale del XXI secolo. Dalla Guerra Fredda alla crisi ucraina (2022).
Ha inoltre pubblicato, per Newton Compton, Le grandi battaglie della Prima guerra mondiale (2015) e I grandi condottieri del mare (2016).

Nessun sommario presente.
Quando il 3 settembre 1939 Gran Bretagna e Francia dichiararono guerra alla Germania, la Marina tedesca era assolutamente impreparata a sfidare le flotte delle due potenze alleate che, pur dovendo presidiare anche il Mediterraneo e le colonie asiatiche minacciate da Italia e Giappone, schieravano 22 navi da battaglia, 7 portaerei, 83 incrociatori, 255 cacciatorpediniere e 135 sommergibili.
La distruzione della Kriegsmarine fu evitata grazie alla caduta della Francia – che mise a disposizione tedesca le basi da cui porre sotto assedio le isole britanniche – e all’audace applicazione di una "strategia della dispersione" volta a valorizzare l’impiego combinato di mezzi di superficie, subacquei e aerei, elaborando nuove tattiche operative (come il "branco di lupi" per gli U-Boot) o aggiornando al XX secolo antichi metodi di guerra, dalle navi corsare ai campi minati.
Gli ammiragli tedeschi furono costretti ad architettare operazioni poco ortodosse, intercettando le linee di traffico mercantile avversario con un pugno di U-Boot e speciali "corazzate tascabili", impiegando armi come le mine magnetiche e lanciando rischiose operazioni contro paesi neutrali ma strategici in vista del confronto con Londra e Parigi. I risultati furono ambivalenti, con alcuni spettacolari successi pagati però a caro prezzo.
Strategie favorite dall’entrata in guerra di Italia e Giappone e dalla caduta della Francia, che lasciò la Royal Navy britannica sola di fronte a un avversario improvvisamente rafforzato, mentre l’intervento degli Stati Uniti tardava a far sentire i propri effetti. Nella primavera del 1943 la flotta tedesca fu a un passo dal vincere la battaglia dell’Atlantico.


"Non prendete alla leggera questa guerra.
Sarà lunga, potrà durare anche sette anni,
e potremo dirci fortunati se finirà con un compromesso".
– Ammiraglio Karl Dönitz, 4 settembre 1939 –

"Se dovesse venire il giorno nel quale lor signori si trovassero
a bordo di una grande nave combattendo contro forze di superiorità schiacciante,
spero che si comportino, manovrino e combattano tanto valorosamente
come lo hanno fatto oggi il comandante e l’equipaggio della Scharnhorst".
– Ammiraglio Bruce Fraser, comandante la Home Fleet inglese,
dopo l’affondamento della corazzata tedesca Scharnhorst, 26 dicembre 1943 –
Collana: OL - Odoya Library Numero di collana: 116 Isbn: 978-88-6288-191-3 Pagine: 600 Formato: copertina flessibile con alette Misure: 15.5 x 21 cm Data di pubblicazione: 2013
Autore: Giuliano Da Frè Prefazione: Gianni Vignati
Nessun sommario presente.
Giuliano Da Frè

Giornalista e scrittore, collabora con varie testate specializzate nel settore militare tra cui Rivista Italiana Difesa, Focus Storia e Rivista Marittima ed è autore di circa 400 articoli dedicati soprattutto alla storia militare.
 Con Odoya ha pubblicato La Marina tedesca 1939-1945 (2013), Storia delle Battaglie sul mare (2014), Almanacco navale della Seconda guerra mondiale 1939-1945 (2019) e Almanacco navale del XXI secolo. Dalla Guerra Fredda alla crisi ucraina (2022).
Ha inoltre pubblicato, per Newton Compton, Le grandi battaglie della Prima guerra mondiale (2015) e I grandi condottieri del mare (2016).

Seguici su

Iscriviti alla nostra newsletter e ricevi i nostri aggiornamenti

Invia
CASA EDITRICE ODOYA
  • Sede Legale
  • Via Carlo Marx 21, 06012 - Città di Castello (PG)
  • Tel +39 075.3758159 - Fax +39 075.8511753
  • P. Iva 02774391201 - Scrivi una mail
  • Sede Operativa
  • Via Pietro Mengoli 4, 40138 - Bologna (BO)
  • Tel. +39 051.4853205
Modalità di pagamento Privacy Policy Cookie Policy Contatti